Connettiti con noi

Hanno Detto

Zanetti: «Abbiamo dominato il Cagliari, pareggio meritato»

Pubblicato

su

Le dichiarazioni di Paolo Zanetti al termine del match dell’Unipol Domus Cagliari Venezia

All’Unipol Domus il Venezia strappa il pareggio ai padroni di casa che, arrivati al 92′, non sono riusciti a proteggere il vantaggio ottenuto grazie alla rete di Keita. Gli uomini di Paolo Zanetti festeggiano non solo il risultato ma anche e soprattutto per un’aggressività che al secondo tempo ha messo in seria difficoltà i rossoblù. Ecco le dichiarazioni del tecnico lagunare ai microfoni di Sky.

PAREGGIO – «Sono orgoglioso perché questo è un campo difficile, la partita aveva una valenza importante. Abbiamo preso gol su rimessa laterale nostra, pecchiamo di inesperienza. A parte questo complimenti ai miei giocatori per una partita straordinaria. Oltre a spirito c’è stata qualità, abbiamo dominato. Il pareggio è meritato».

GAP TECNICO – «Il gap tecnico c’è ed è alto, lo speriamo con organizzazione, spirito e mentalità. Io non guardo molto all’estetica, mi lascio andare. Ma senza parte emozionale non ce la facciamo. Nel primo tempo abbiamo fatto bene ma c’è mancata la scintilla. Ripresa straordinaria».

JOHNSEN E BUSIO – «Sono due ragazzi molto interessanti e dotati. Johnsen ha giocato tutte le partite e non è facile per lui fisicamente. Abbiamo giocato posticipo e poi anticipo, eravamo stanchi. Lo stesso Busio che è un 2002 che abbina qualità e quantità. Brava la società a prenderlo».

CHI SFONDERA’ – «Molti di loro anche per me sono una sorpresa. Devo allenarli, anche per conoscerli caratterialmente e poi capire come si calano. In questa squadra c’è molto più potenziale di quello che si è detto, abbiamo preso giocatori sconosciuti. C’è molta strada da fare però, dobbiamo essere più incisivi. Subiamo poco ma paghiamo. Ad oggi preferisco non fare nomi, perché dobbiamo essere umili».

Dazn

VENEZIA – «Il primo tempo è stato un buon primo tempo nonostante alcuni meccanismi non abbiano funzionato come volevo. Per il resto è stata una partita importante con una prestazione di alto livello. Per una squadra come la nostra, venire a Cagliari e dominare così è motivo di orgoglio. Spero che questo possa dare ai miei ragazzi consapevolezza dei propri mezzi».

CENTROCAMPO – «L’unico vero regista che ho in rosa è Vacca che abbiamo recuperato all’ultimo. Ho fatto altre scelte rispetto al solito, mi piace avere una certa duttilità anche in base alla strategia della gara. La mia impostazione base è un 4-3-3/4-3-1-2».

BUSIO – «L’abbiamo seguito per un anno e siamo riusciti a portarlo da noi. È un giocatore completo, di talento. Gioca tutte le partite a un’intensità altissima, spero che anche gli altri compagni possano fare lo stesso. Mi è stato presentato come un piccolo Pirlo, a me è sembrato più Gattuso. È un mix tra i due ma ancora non ha trovato la sua identità. Se messo un po’ più avanti può trovarsi ancora meglio».