Torino-Cagliari, le pagelle: disastro rossoblù

© foto www.imagephotoagency.it

Altra trasferta e altra sconfitta con goleada per il Cagliari che a Torino soccombe contro i granata per 5-1. Nessuno si salva dalla disastrosa prestazione offerta nell’anticipo della dodicesima giornata di Serie A, con i padroni di casa che hanno avuto fin da subito il controllo del match, andando in gol con Belotti (due volte), Ljajic, Benassi Baselli. Inutile la rete a fine primo tempo di Melchiorri.

 

Storari, 4: Un’altra giornata da dimenticare per il portiere del Cagliari. Non perfetto sul primo gol di Belotti, dove respinge centralmente la prima conclusione dell’attaccante granata e si fa beffare sulla respinta. Disastroso sul 2-0 di Ljajic, in cui si tuffa da una parte mentre il pallone entra senza deviazioni centralmente. Raccoglierà ancora tre volte il pallone dalla rete.

Isla, 4,5: Dopo neanche due minuti di gioco sbaglia completamente il fuorigioco sull’1-0 di Belotti. Soffre costantemente le giocate per Ljajic sulla sua fascia e non riesce a dare il suo contributo in fase offensiva.

Ceppitelli, 4,5: Si perde Belotti in occasione dell’1-0. In difficoltà, così come tutto il reparto difensivo del Cagliari, non si salva dall’ennesimo disastro difensivo rossoblù.

Bruno Alves, 5: In notevole calo rispetto alle prime uscite rossoblù. Salva il salvabile, ma se la squadra subisce così tanto anche lui ha le sue colpe.

Pisacane, 4,5: Difensore adattato a giocare come terzino sinistro, paradossalmente va meglio quando si tratta di spingere rispetto a quando deve coprire. È suo il cross per il gol di Melchiorri.

Dessena, 3: Nel primo tempo perde due palloni banali da cui nascono il gol del 2-0 (di Ljajic in ripartenza) e del 3-0 (di Benassi). Lascia i suoi in dieci in modo troppo ingenuo per essere il capitano, tenendo il braccio dell’arbitro in occasione dei provvedimenti disciplinari presi per il rigore del 5-1. Un errore che un capitano non può commettere, anche perché ne pagherà le conseguenze nella prossima, se non nelle prossime partite.

Tachtsidis, 4,5: L’ex della gara è costretto a spostarsi continuamente dalla sua posizione davanti alla difesa per uscire a disturbare Valdifiori. Commette il fallo del rigore del 5-1 subito e trasformato da Belotti.

Munari, 4,5: Chiamato a sostituire dal primo minuto Padoin, non riesce a dare sostanza al centrocampo rossoblù.

Melchiorri, 6: Adattato a giocare in un ruolo non suo, quello di esterno, nel primo tempo garantisce la solita grinta e voglia. Riesce a trovare anche il terzo gol personale in Serie A, ma stavolta non serve al Cagliari per centrare la vittoria. (dal 72’ Giannetti s.v.: Gioca quello che negli Stati Uniti chiamano garbage time, ovvero il tempo restante di una partita già decisa. Prova inutilmente a mettersi in mostra).

Borriello, 5: Cercato poco dai compagni, non si vede mai e non ha mai modo di rendersi pericoloso. (dal 55’ Farias, s.v.: Entra sul 4-1 più per riprendere confidenza col campo che per provare a recuperare una gara persa in partenza).

Sau, 5: Anche lui – come Melchiorri – è adattato ad un ruolo che non è suo, nonostante già qualche altro allenatore in passato ha provato a fargli fare l’esterno d’attacco. Prova a mettere qualche pallone interessante in mezzo, ma resta troppo lontano dalla porta. Esce ad inizio ripresa dopo l’espulsione di Dessena. (dal 60’ Padoin, s.v.: Anche lui entra quando la gara ha ben poco da dire).

Rastelli, 4: Il Cagliari ha la peggior difesa del campionato e gioca contro uno dei migliori attacchi del campionato. La soluzione? Cambiare dal 4-3-1-2 ad un ancora più offensivo 4-3-3. In fase di non possesso è un 4-5-1, ma giocatori come Sau e Melchiorri non possono garantire la copertura di un centrocampista. Fa specie la rinuncia al trequartista soprattutto contro un avversario come il Torino che fa nascere tutte le proprie azioni dai piedi del proprio regista, Mirko Valdifiori. La fase difensiva e il rendimento in trasferta restano un disastro che bisognerà correggere il prima possibile. Contro il Torino il Cagliari ha pagato soprattutto le scelte iniziali del tecnico rossoblù.

Articolo precedente
LIVE SERIE A, 12^ GIORNATA – Torino-Cagliari 5-1, diluvia sui rossoblù
Prossimo articolo
Torino-Cagliari 5-1, il tabellino della sfida