Sturm Graz, ripresa disastrosa: si complica l’acquisto di Despodov

despodov cagliari
© foto Elena Accardi per CagliariNews24

Lo Sturm Graz ha iniziato in maniera disastrosa il campionato austriaco: le possibilità di acquistare Despodov si riducono

Una ripresa da incubo. 2-1 contro il Wolsferberger, 4-0 contro il Rapid Vienna e 5-1 contro il Salisburgo. Il bilancio dello Sturm Graz, tornato in campo per concludere il campionato austriaco, è disastroso. Tre partite e tre sconfitte. Le ultime due pesantissime anche in termini di punteggio. Non è bastato nemmeno il ritorno di Kiril Despodov, fermato a dicembre da un infortunio alla caviglia. L’attaccante di proprietà del Cagliari è subentrato nella prima partita, ha giocato da titolare per un’ora nella seconda ed è rimasto in panchina nella sconfitta di ieri contro il Salisburgo.

MERCATO – I risultati negativi complicano le possibilità dello Sturm Graz di acquistare Despodov a fine stagione. «Se ci qualificheremo per le coppe europee, cercheremo di trattenerlo e acquisirlo a titolo definitivo dal Cagliari», aveva dichiarato l’a.d. del club austriaco Andreas Schicker la scorsa settimana. Le speranze europee, dopo queste tre sconfitte, si stanno però assottigliando.

CLASSIFICA – La squadra di Despodov è stata inserita per la ripresa del campionato in un girone a 6 che determina l’assegnazione del titolo e la qualificazione alle prossime coppe europee. Al momento lo Sturm Graz è il fanalino del raggruppamento con 16 punti, frutto del bottino conquistato durante la stagione regolare e poi dimezzato al momento della composizione del girone. Il 4° posto che vale la qualificazione alla prossima Europa League dista 6 punti ed è occupato dal Lask, formazione che Despodov e compagni affronteranno due volte nella prossima settimana: il 17 e il 21 giugno. Servirebbe un cambio di marcia per sognare un posto europeo e avere così le disponibilità economiche per acquistare a fine stagione l’attaccante bulgaro di proprietà del Cagliari per il quale, è bene ricordarlo, non c’è è previsto nessun diritto di riscatto in favore degli austriaci.