Serie B, Nestorovski manda al tappeto il Perugia di Han&Co

palermo nestorovski
© foto www.imagephotoagency.it

Primo stop stagionale per i grifoni. Gli umbri sono stati superati ieri al Barbera dal Palermo di Tedino. Decisivo un penalty trasformato dall’attaccante macedone

Il Palermo torna al successo dopo tre pareggi di fila. La squadra di Bruno Tedino raccoglie tre punti nell’infrasettimanale contro il Perugia e si porta così a un solo punto in classifica dai biancorossi, terza forza della Serie B alle spalle di Frosinone ed Empoli. La prima occasione del match è però per gli umbri. Punizione di Santiago Colombatto che trova in area Bonaiuto. L’attaccante sceglie la soluzione acrobatica col tacco: pallone alto sopra la traversa. Il numero 11 biancorosso ci riprova dalla distanza, un attento Posavec neutralizza però senza patemi. La reazione dei padroni di casa arriva alla mezz’ora con l’ex Trapani Coronado che impensierisce Rosati con una conclusione potente deviata da Volta. Prima chance in contropiede anche per Ilija Nestorovski, ma il numero 1 umbro è attento. In chiusura di primo tempo si rivede anche il Perugia. Sul lancio lungo di Colombatto per Bonaiuto, esce a vuoto il rosanero Posavec. L’attaccante classe ’92 però non ne approfitta, la sua conclusione si spegne infatti sul fondo. In avvio di ripresa il portiere croato si riscatta murando Han in uscita bassa. Il nordcoreano è ancora pericoloso di testa, ma il tiro è alto. A dieci minuti dal 90′ il direttore di gara Ros concede un calcio di rigore ai rosanero per un fallo di mano di Colombatto. Nestoroski supera Rosati dagli undici metri e porta avanti il Palermo. Nel finale in campo anche Pajac, che prende il posto di Zanon. A pochi secondi dal triplice fischio, Bellusci stende Mustacchio a centrocampo per fermare la ripartenza umbra. L’arbitro estrae il rosso, ma i siciliani possono comunque festeggiare: al Barbera passano i rosa, Perugia rimandato. Sabato la squadra di Giunti riceverà al Curi la capolista Frosinone.

Articolo precedente
canzi cagliari primaveraPrimavera, domani c’è la Coppa Italia. Canzi ne chiama 24 per il Cittadella
Prossimo articolo
Todeschi (CanaleSassuolo.it): «Sassuolo costretto a far punti, Pavoletti grande rimpianto neroverde»