Serie A, definito un protocollo più duro

© foto Db Reggio Emilia 09/03/2020 - campionato di calcio serie A / Sassuolo-Brescia / foto Daniele Buffa/Image Sport nella foto: controlli Coronavirus Covid 19 termoscanner

La Lega Serie A è pronta a imporre un protocollo più duro da adottare per contrastare la diffusione del Coronavirus. Ecco cosa cambierà

Nelle prossime ore, come riporta anche La Gazzetta dello Sportla Federazione Medico-Sportiva proporrà alla Lega Serie A un nuovo protocollo da rispettare. Questo, però, non toccherà le attuali norme del testo Figc validato dal CTS ma le implementerà. Cosa significa? Maggiore severità e quindi linee guida più dure per tutti per evitare la “leggerezza” che ha caratterizzato questi mesi della seconda ripartenza.

CENTRALIZZAZIONE DEI TAMPONI – La Federazione Medico- Sportiva proporrà uniformità di prelievo, trasporto, catena di custodia, conservazione. Non sarà reso noto il nome dell’azienda incaricata di sovrintendere a tutto il processo.

NON PIÙ A CASA – Le nuove e più severe linee guida chiariranno il concetto di struttura concordata in caso di positività di un membro del gruppo squadra. Escluso, quindi, l’isolamento fiduciario a casa.

TAMPONI A 24-36 ORE DAL MATCH – L’esame periodico e quindi il tampone, potrebbe essere effettuato a 24-36 ore dal match per ridurre l’esposizione. Il risultato, per le squadre che giocano in casa, dovrà arrivare almeno sei ore prima della partita.

SIAMO ANCHE SU INSTAGRAM: SEGUICI!