Connettiti con noi

Hanno Detto

Semplici: «Siamo riusciti a salvarci e ne sono felice. Se resto? Vediamo…»

Pubblicato

su

Leonardo Semplici, allenatore del Cagliari, racconta il difficile percorso per portare i rossoblù alla salvezza

Leonardo Semplici, allenatore del Cagliari, ha rilasciato alcune dichiarazioni ai microfoni di TMW Radio in merito al difficile percorso per portare i rossoblù alla salvezza

GAVETTA – «E’ vero, credo di essere l’unico allenatore in A ad aver vinto tutti i campionati dall’Eccellenza alla B. Spero un giorno di vincere la A. Mi sono guadagnato sul campo l’allenare prima la Spal e oggi il Cagliari, che mi ha permesso di farmi conoscere in maniera importante. Ho avuto la fortuna di aver allenato club importanti che mi hanno messo nelle condizioni di lavorare bene e vincere. Nessuno avrebbe scommesso sulla salvezza del Cagliari e ci siamo riusciti».

MALATTIA – «Leggendo la formazione è chiaro che per qualità tecniche non poteva essere in quelle condizioni, ma c’erano dei problemi. Molti di loro non erano abituati a fare questo tipo di campionato, pensavano di poter resuscitare la domenica dopo. Invece sono andati in difficoltà e poi fai fatica a raddrizzare la situazione. C’era un ambiente depresso, molti ci davano retrocessi. Siamo riusciti a ridare serenità e a mettere tutti nelle condizioni di giocare nei loro ruoli. Piano piano siamo cresciuti. La sconfitta col Verona ci ha dato la scossa».

BARATRO – «Ci ho sempre creduto, fin dal mio arrivo. Pensavo forse più semplice, leggendo i nomi della squadra. Il momento più brutto è stato il ko col Verona, ma lì è partita la scossa. Se dovevamo retrocedere, dovevamo farlo con un altro piglio. Ringrazio il ds, il presidente, ma tutti, perché abbiamo lavorato sull’approccio e i risultati sono venuti».

FUTURO – «Bisogna finire in campionato nella maniera giusta come a San Siro, poi faremo le valutazioni con la società per il mio futuro ma anche della squadra. Spero di rimanere».

SORPRESA – «Godin ha fatto cose importanti ma fare un solo nome è ingiusto. Tutti hanno dato qualcosa in più, si sono messi a disposizione. La nostra forza sono stati i campi, tutti si sono fatti trovare pronti. A livello mentale la vittoria col Parma ha dato la reazione giusta per svoltare. Da lì è partita veramente la nostra rincorsa».

GOL SIMY – «Non ci speravo. Alla fine col Milan abbiamo messo la ciliegina sulla torta. Abbiamo visto un Cagliari più spregiudicato, che si è meritato la salvezza».

MILAN – «Merito nostro, ma abbiamo trovato anche un Milan che forse sentiva troppo la gara. Aveva fatto risultati eccezionali, per noi era una partita difficilissima e abbiamo fatto la nostra partita. Siamo stati bravi a limitarli e addirittura alla fine il migliore è stato Donnarumma».

CITTÀ – «Bene, è una città dove si sta benissimo. Per me era una opportunità grandissima, spero d’ora in poi di vedere qualcosa di più».

PROSSIMA STAGIONE – «Non abbiamo parlato del prossimo anno, ci siamo prefissati a inizio avventura che ci saremmo incontrati a fine campionati, poi decideremo il futuro. Se resto? Penso di sì ma bisogna essere in due a fare i matrimoni. Ognuno fa le proprie riflessioni, vogliamo casomai ripartire insieme più forti e più convinti».

Advertisement