Sant’Elia, il progetto: dettagli e incognita prossima stagione (FOTO)

© foto www.imagephotoagency.it

Presentato il “progetto di fattibilità” per lo stadio Sant’Elia, che sarà targato Usa. Ieri è andato in scena l’incontro tra il sindaco di Cagliari e Luca Silvestrone, referente del fondo di investimento interessato alla costruzione dell’impianto, che ha anche abbozzato qualche discorso sull’acquisto del club di Massimo Cellino, con il quale è stato fissato un incontro.

Trattasi di un progetto complesso, che prevede un investimento di oltre 80 milioni di euro, la riqualificazione della zona circostante, una nuova metropolitana, ricalcando l’Allianz Arena del Bayern Monaco. Al di là del fotovoltaico e delle pale eoliche, ci saranno impianti per la depurazione dell’acqua e altre varianti per il risparmio energetico, tanto che potrebbe essere riciclato il cemento armato che verrà prodotto dalle demolizioni. Due le condizioni imprescindibili per far partire i lavori: l’ok del Comune e la cessione del club agli statunitensi, ma a concretizzarsi entro giugno potrebbe essere il primo punto. L’impianto avrà una capienza di 30 mila posti a sedere e al coperto.

L’iter burocratico dovrebbe esaurirsi nel 2014, l’inizio dei lavori è previsto per il 2015 e la fine degli stessi nel 2017. Si pone così la questione di dove disputare le gare casalinghe nella prossima stagione: l’idea è di restare al Sant’Elia con il cantiere in attività (ma serve una capienza minima in deroga di 16 mila posti), in alternativa si potrebbe pensare ad un trasferimento: non a Trieste, dove si sono deteriorati i rapporti, bensì a Modena, ammesso che l’amministrazione locale sia d’accordo.

Foto: Corriere dello Sport

Articolo precedente
Leeds: ancora una sconfitta, ma Cellino salva McDermott. Per ora…
Prossimo articolo
Cissè, il nuovo Nainggolan: il Cagliari ci pensa