Sampdoria, Giampaolo: «Errore sul gol di Ibarbo. Pari giusto»

giampaolo
© foto www.imagephotoagency.it

L’allenatore della Sampdoria Marco Giampaolo ha parlato dopo l’1-1 di Marassi contro il Cagliari, firmato dai gol di Isla e Quagliarella

Sfumata la quarta vittoria consecutiva in campionato, Marco Giampaolo – ex della partita -ha parlato ai microfoni di Sky Sport al termine del pareggio per 1-1 contro il Cagliari, maturato al “Luigi Ferraris” per i gol di Isla e Quagliarella. Ecco le parole del tecnico della Sampdoria:«Il gol annullato ad Ibarbo? Probabilmente l’arbitro ha fischiato la posizione di partenza di un giocatore del Cagliari, ma forse c’è stato un errore. Voi dite che alla fine si compensano gli errori. Si sbaglia, io non parlo mai degli errori perché capisco le difficoltà. Quagliarella? Fabio è un esempio di professionalità, ha sempre giocato fino ad oggi e lo dimostra giornalmente. Ha gestito bene la situazione sul piano personale e oggi ha segnato. Lì davanti ne ho diversi bravi. Schick è giovanissimo e avrà tempo per mettersi in mostra. Ho un organico che mi consente di fare certe scelte. Io sono contento che i nostri giovani siano sotto i riflettori, ma sarei scontento se se ne andassero. La Samp è una piazza importante, si vive bene e si può fare del buon calcio».

PARI GIUSTO – «Abbiamo regalato centimetri e chili all’avversario – ha proseguito ai microfoni della Rai Sono stati bravi i miei a reggere l’impatto pur non avendo i numeri. Credo che il pari sia giusto, ma abbiamo provato a vincere fino all’ultimo. Avremmo potuto anche perdere, ma non abbiamo speculato sul risultato. Il gol di Quagliarella? Sono contento per Fabio, sta facendo molto bene. Muriel si impegna tanto, pensavo fosse più anarchico e individualista. È un giocatore che negli spazi è in grado di fare grandi giocate. Schick titolare? Lo diventerà presto perché ha numeri e qualità. Si completa con Quagliarella, un po’ meno con Muriel. In alcune partite posso forzare un po’ e farlo giocare, in altre, come quella odierna, non possiamo permettercelo».