Cagliari Primavera, Canzi: «Raccogliamo le forze e ripartiamo dai play-off» – VIDEO

primavera cagliari
© foto www.imagephotoagency.it

Le parole di Max Canzi, tecnico del Cagliari Primavera, dopo l’1-1 contro il Palermo che costringe i rossoblù ai play-off dopo gran parte di torneo da primi in classifica

Sarebbe servita una vittoria, è arrivato un pareggio che sa di sconfitta. Perchè l’1-1 di Mandas fa felice il Palermo, che chiude la regular season al primo posto e conquista la promozione diretta, e triste il Cagliari. I rossoblù di Canzi ci avevano creduto ed impostato la gara per conquistare i tre punti che gli avrebbero permesso di superare i rosanero al fotofinish e conquistare la promozione diretta. Invece il pareggio costringe i sardi a passare dai play-off.

CANZI  – Al termine del match ha parlato il tecnico isolano Max Canzi, che non ha nascosto la delusione per il risultato e per degli episodi che hanno fatto girare la partita «Probabilmente con quel primo tempo avremmo dovuto fare almeno un paio di gol, abbiamo giocato solo noi, la partita invece è rimasta in bilico. Il rigore sinceramente non so se ci fosse o no. Non ho nulla da dire ai ragazzi, sono calati un po’, fisiologicamente, hanno fatto tutto quello che potevano fare. Play-off? Abbiamo fatto un campionato sempre davanti, la promozione ci è sfumata per un punto. Onore al Palermo, che ha fatto un campionato di rincorsa e non ha mai mollato. Ora dobbiamo radunare le forze e fare i play-off. Aspettiamo di conoscere il nostro avversario, ci giocheremo la nostra partita cercando di raggiungere l’obiettivo prefissato all’inizio dell’anno. Fisicamente stiamo bene, mentalmente dispiace ma possiamo riprenderci. Non è stata una sconfitta, abbiamo fatto la partita. Ho fatto i complimenti ai miei. Abbiamo due settimane per radunare le forze e ripartire più forte di prima».

Dichiarazioni raccolte dal nostro inviato Sergio Cadeddu

Articolo precedente
Cagliari-Palermo 1-1: rosanero promossi, rossoblù ai play-off
Prossimo articolo
Roma, Di Francesco: «Cagliari campo ostico, serviranno gioco e fisicità»