Cagliari, presentato il ritiro della prossima estate di Pejo e Aritzo

© foto www.cagliarinews24.com

Il Cagliari ha presentato al T-Hotel le sedi del prossimo ritiro estivo della squadra. Per il secondo anno consecutivo saranno Pejo e Aritzo

Il Cagliari pensa già al futuro. In attesa della certezza matematica di giocare la prossima stagione in Serie A (manca ancora un punto), la società ha annunciato le sedi del ritiro della prossima estate. Saranno per il secondo anno di fila Pejo e Aritzo. Quest’oggi al T-Hotel sono state presentate le due località anche grazie alle rispettive delegazioni: il sindaco di Aritzo Gualtiero Mameli e l’assessore al bilancio di Pejo. Presenti inoltre il direttore commerciale e marketing del club rossoblù, Mario Passetti, con il capitano Daniele Dessena e il vice Marco Sau. Saranno loro due a guidare la squadra dall’8 al 22 luglio tra le montagne del Trentino. A Pejo ci sarà anche il Summer Camp del Cagliari, che si terrà dal 15 al 22 luglio. Nella seconda metà del ritiro di Aritzo, i rossoblù respireranno l’aria di casa. Per il comune barbaricino si tratta del terzo ritiro consecutivo e, come Pejo, ospiterà il Summer Camp dal 10 al 16 luglio.

DESSENA – Il capitano Daniele Dessena prende la parola per presentare il ritiro della prossima estate parlando di quello dello scorso anno: «Pejo ed Aritzo sono stati ritiri perfetti. Io lì ho ricominciato a vedere la luce dopo l’infortunio. Per me sono stati momenti bellissimi. Mi fa piacere tornare a Pejo, sono state rispettate le tre regole d’oro di un ritiro: mangiare bene, allenarsi e dormire. Voglio anche raggiungere i 3000 metri, l’anno scorso non ho potuto perché ero in clinica a togliere i chiodi dalla gamba».

SAU – Anche Marco Sau apprezza la conferma delle due sedi: «Fa piacere che la società abbia rinnovato il ritiro nelle mete dello scorso anno. Siamo stati benissimo, circondati da tanto affetto sia a Peio che ad Aritzo. Per me poi essere ad Aritzo è sentirmi a casa, la carica della nostra gente è una marcia in più».

Dichiarazioni riportate dal nostro direttore Sergio Cadeddu