Connettiti con noi

News

Pagelle Fiorentina Cagliari: si salva Bellanova, Keita col rigore sulla coscienza – VOTI

Pubblicato

su

I voti ed i giudizi ai protagonisti del match di campionato tra i viola e i rossoblu: pagelle Fiorentina Cagliari

Le pagelle dei protagonisti del match tra Fiorentina e Cagliari, valido per la 9ª giornata del campionato di Serie A 2021/2022.

Le pagelle degli uomini di Mazzarri

Cragno 6: incolpevole sui tre gol viola. Nessun intervento di rilievo.

Caceres 5,5: soffre un ispiratissimo Saponara sin dall’inizio, ma alza bandiera bianca prima della mezz’ora. (dal 24′ Bellanova 6: il migliore dei sardi. Un grande intervento evita il raddoppio prima del gol di Gonzalez, prova a proporsi anche con qualche spunto).

Ceppitelli 5: Vlahovic è un cliente scomodo, si sa, ma oggi ha vita veramente troppo facile. Non lo tiene mai.

Carboni 4,5: decisamente non la sua migliore giornata. I viola passano sempre, sbaglia anche qualche appoggio in uscita.

Lykogiannis 4,5: costantemente in ritardo su Nico Gonzalez, che trova sempre praterie sul suo lato.

Zappa 5: provato da esterno alto, non convince. Non è mai pericoloso, poi esce a inizio ripresa. Nandez è un’altra cosa. (dal 58′ Pereiro 5,5: entra per far cambiare passo al Cagliari, ma non ci riesce).

Marin 5: solitamente faro nel centrocampo rossoblù, stavolta non accende mai la luce. Da un suo fallo (con ammonizione) i viola trovano il gol su punizione.

Deiola 5: a centrocampo domina la Fiorentina, lui cala minuto dopo minuto sino a inabissarsi. (dal 58′ Grassi 5,5: la differenza con Deiola non si sente, ma subentrare in questa partita era davvero difficile).

Nandez 5,5: no, la corsia mancina non gli dona. Senza lo scatto sul piede forte è un altro giocatore. Prova a proporsi spesso per chiudere l’azione sul secondo palo, ma gli arrivano davvero pochi palloni giocabili. (Dal 71′ Obert 6: buon ingresso per il giovane slovacco, che entra pimpante e prova lo spunto, ma a ritmi decisamente ribassati).

Keita 4,5: non vede mai il pallone, ma ha sulla coscienza anche il fallo di mano che costa il rigore per il vantaggio viola. (Dal 58′ Pavoletti 6: prova a tenere alto il Cagliari mettendo giù qualche pallone, ma la partita è compromessa e può farci poco).

Joao Pedro 5: la giornata non è delle migliori, i palloni giocabili son pochi, ma lui ci mette del suo. Scompare tra i centrali viola e non riesce a cambiare l’inerzia della gara, come altre volte gli è capitato in passato.