Padoin: «Per i primi quaranta minuti siamo stati perfetti» – VIDEO

© foto CagliariNews24.com

Cagliari-Parma dal verdetto positivo per i sardi. Il rossoblù Simone Padoin ha commentato ai nostri microfoni la partita della Sardegna Arena

La gara di questa sera era un match fondamentale per il Cagliari. Contro il Parma era di vitale importanza riuscire a vincere e guadagnare i tre punti, per cercare di risollevarsi quanto prima dal periodo buio che i sardi stavano vivendo.

LE DICHIARAZIONI – Al termine dei novanta minuti di gioco sono proprio gli isolani a gioire per la conquista del bottino pieno e il giocatore Simone Padoin, ai nostri microfoni, ha commentato così l’incontro di questo sabato sera: «Ci è dispiaciuto un po’ perché per quaranta minuti penso che abbiamo fatto la partita perfetta. Oggi giocavamo contro una squadra che secondo me in questo momento era la peggiore, una squadra che ha fatto tantissimi punti in trasferta, una squadra che si difende bene e riparte in maniera micidiale, però noi per quaranta minuti siamo stati perfetti. Abbiamo creato tanto non lasciando a loro nessuna ripartenza. C’è stato il gol che ci ha un po’ frenato, infatti gli ultimi cinque minuti del primo tempo non gli abbiamo fatti bene e il secondo tempo l’abbiamo iniziato un po’ così così, però penso che alla fine il risultato sia meritato e siamo stati premiati per quello che abbiamo dimostrato nel complesso durante tutta la partita. La prossima contro la Sampdoria è ad un orario un po’ particolare però come magari ci sarà una situazione strana per noi, ci sarà anche per loro. Adesso siamo abbastanza abituati a giocare ad orari come 12:30, 15, 18, 20:30, quindi non penso che sarà un grosso problema per nessuna delle due squadre. È inutile nasconderci, penso che le ultime brutte prestazioni siano dovute anche ad un’eccessiva preoccupazione guardando la classifica in cui noi c’eravamo bloccati, le altre invece stanno viaggiando a pieno ritmo come il Frosinone che ha ottenuto delle vittorie importanti, Bologna e quindi inutile negarlo. Un po’ di preoccupazione c’era però penso che sia anche giusto averne un po’. L’importante non averne troppa, come invece abbiamo dimostrato nell’ultimo periodo».