Padoin in sala stampa: «Sconfitta pesante, ora pensiamo alla Fiorentina»

padoin
© foto www.cagliarinews24.com

Blackout casalingo per il Cagliari. Passato dalla sala stampa del Sant’Elia, il rossoblù Simone Padoin non cerca alibi

«Ci siamo sciolti alla prima difficoltà, questo non deve accadere eppure non è la prima volta». Esordisce così Simone Padoin dalla sala stampa del Sant’Elia al termine di Cagliari-Inter. Sotto di due reti, i rossoblù hanno chiuso il primo tempo in crescendo, accorciando le distanze con Borriello. Al rientro dagli spogliatoi però il nuovo crollo: «Dopo l’intervallo siamo rientrati con l’idea di mantenere la partita aperta e provare a recuperare, invece hanno segnato loro e gli abbiamo reso la vita troppo facile. Sui sistemi di gioco bisogna lavorare, la difesa a cinque l’avevamo provata già in passato ma poi per diversi motivi eravamo tornati a quattro. Noi giocatori non perdiamo l’orientamento per gli spostamenti e i cambi di ruolo, sappiamo che sono esigenze che può avere un allenatore: non è un alibi per noi. Alla vigilia eravamo carichi, l’approccio alla gara è stato buono e potevamo passare in vantaggio noi; poi ci siamo sciolti come accaduto troppe volte. Nella ripresa abbiamo avuto subito un blackout e la partita era praticamente finita».

VERSO FIORENTINA-CAGLIARI – «A Firenze ci attende una gara difficile, anche i viola non passano un buon momento; andiamo lì con l’intenzione di riprenderci. I risultati dicono che il Cagliari è molto lontano dalle squadre di classifica medio-alta, vuol dire che dobbiamo lavorare sul piano psicologico perché quando ci accendiamo possiamo dare fastidio a chiunque ma lo facciamo troppo poco. Queste batoste non fanno piacere a nessuno, soprattutto in casa perché è brutto perdere così davanti ai nostri tifosi. Dobbiamo affrontare al meglio le prossime partite, il gruppo è solido. Adesso il risultato brucia, sta a noi non crearci dei blackout come oggi».

Dichiarazioni raccolte dal nostro inviato Sergio Cadeddu