Marco Sau – I pagelloni di CagliariNews24

© foto www.imagephotoagency.it

Ommalleo simpallao segna sempre Marco Sau”. Un motto diventato colonna sonora del Cagliari che, grazie anche al contributo del bomber di Tonara, ritorna in Serie A. Un giocatore dai muscoli di cristallo, pieno di talento e di determinazione che ha fatto della maglia rossoblù un vanto.

 

Al termine della stagione passata, la delusione della retrocessione è tanta. Tant’è che qualche club più blasonato della massima categoria prova a strizzare l’occhio a Pattolino. Niente da fare, Marco Sau non si muove. La Serie A la vuole con la maglia rossoblù. Lavora duro Sau, uno che conosce bene le insidie del campionato di Serie B. Questa volta però è diverso, l’obiettivo della squadra è di fare una Serie B di passaggio e questa volta il nome di Sau pesa come un macigno nella rosa di Massimo Rastelli. L’inizio è da bomber di razza: tre gol in tre partite. Ma i guai fisici cominciano poco dopo: sette partite consecutive a seguire le partite dei suoi compagni lontano dal campo.

 

Pattolino non molla e torna sul terreno di gioco, anche se con discontinuità, per aiutare la squadra nel momento più difficile nel girone di ritorno. Poi le reti nelle due partite finali, l’ultima di rovesciata. Un capolavoro che permette al Cagliari di vincere il campionato e guardare oltre. La continuità continua ad essere un tallone d’Achille, ma della sua qualità non si può fare a meno.

 

VOTO: 7

 

 

Articolo precedente
Playoff Serie B, finale di andata: Pescara batte Trapani 2-0
Prossimo articolo
Bruno Alves, ecco chi è il nuovo difensore rossoblù