Maran: «Pavoletti sta bene. Voglio un Cagliari sfacciato e con personalità»

© foto CagliariNews24.com

Frosinone-Cagliari, la conferenza stampa di Maran: il tecnico ha spaziato dal match dello Stirpe alle condizioni dei suoi

Domani alle 15 il Cagliari sarà ospite del Frosinone allo “Stirpe” per la quattordicesima giornata di Serie A. Una sfida che per entrambe le compagini apre una serie di gare ravvicinate che porterà a fine girone d’andata. Reduci dalla sconfitta contro l’Inter, i ragazzi di Longo dovranno tentare di riprendere un cammino finora non sufficiente (appena 7 punti raccolti) per la salvezza. Dall’altra parte il Cagliari di Maran, che ha perso Castro ma ha recuperato Pavoletti, va a caccia di punti pesanti prima del trittico di fuoco contro Roma, Napoli e Lazio. In mattinata il tecnico ha incontrato la stampa per fare il punto sulla squadra in vista del match in terra ciociara.

Frosinone-Cagliari, la vigilia di Maran

L’esordio di Maran nella conferenza stampa odierna è dedicato a Pavoletti: «Sta bene, anche oggi si è allenato col gruppo. Nei primi giorni lo abbiamo tutelato, poi ha lavorato al 100%. Le considerazioni in vista di questa partita sono tante, non temiamo altro che il non essere capaci di portare in campo le cose che vogliamo. Al di là delle difficoltà di un match noi dobbiamo metterci in condizione di fare il nostro calcio, a volte anche sfacciato ed esuberante. Ci siamo conquistati un bell’entusiasmo intorno a noi, vogliamo continuare con i risultati ma anche con la mentalità in campo».

L’ASSENZA DI CASTRO – «Castro ha caratteristiche particolari, univa tanta quantità nelle due fasi. Ora abbiamo soluzioni diverse, devo essere bravo a comporre un mosaico equilibrato e competitivo. Di gara in gara farò le scelte che ritengo migliori. Joao Pedro? Lui si sente bene sia da trequartista che da punta, non mi ha dato nessuna preclusione. La struttura di una squadra comprende equilibrio, la scelta del trequartista non è l’unica cosa da tenere in considerazione». 

I SINGOLI – «Farias sta cercando di recuperare il tempo perso dopo essere stato fuori tanto. Sau ultimamente ha dato segnali positivi. Mi piacerebbe che entrambi fossero premiati dal gol perché ci mettono sempre tanta applicazione. Bradaric-Cigarini? Lunedì ho scelto Luca, nelle settimane devo saper leggere anche quando dare linfa a un giocatore magari meno utilizzato: c’è da lottare per le maglie, nell’arco di una stagione la concorrenza fa bene e io devo coltivarla. Padoin lo abbiamo tenuto un po’ a riposo il primo giorno di preparazione, ma sta bene. Klavan? Gli manca la partita, sta lavorando bene. Martedì abbiamo fatto una partitella e c’era, deve solo ritrovare il ritmo partita. Srna ha ovviamente alti e bassi, ci aveva abituati a livelli pazzeschi e poi è un poco calato, ma mi pare si sia ritrovato».

LA PARTITA – «Ogni settimana ci diciamo che la prossima partita è importantissima, ma è giusto così. Alle altre penseremo dopo, intanto affrontiamo questa con piglio da squadra. Domani mi aspetto una partita in cui dovremo mettere tanta personalità. Non dobbiamo subire l’incontro, ma affrontarlo con la giusta cognizione di quello che stiamo facendo. Il Frosinone ha perso l’ultima ma veniva da quattro risultati utili consecutivi, noi dobbiamo seguire la nostra traccia senza farci distrarre. Durante la partita a volte cambiamo assetto in campo, dipende dai frangenti della gara e ci lavoriamo tanto in settimana. Bisogna temere la compattezza del Frosinone e non concedergli campo quando vorremo fare qualcosa di più».

Dichiarazioni raccolte dal nostro inviato ad Asseminello Sergio Cadeddu

Articolo precedente
Primavera 1, i convocati di Canzi per Cagliari-Udinese
Prossimo articolo
compleannoCagliari, i convocati per Frosinone: c’è Pavoletti