Connettiti con noi

Hanno Detto

Mancosu: «Con il Venezia vogliamo riscatto. Ho parlato con Daniele Conti prima di accettare il numero 5»

Pubblicato

su

Il centrocampista del Cagliari Marco Mancosu sarà ospite ai microfoni di Radiolina. Cagliarinews24 seguirà il Live e ve lo riporterà con la diretta testuale

Il centrocampista del Cagliari Marco Mancosu sarà ospite ai microfoni di Radiolina. Cagliarinews24 seguirà il Live e ve lo riporterà con la diretta testuale.

LA VITA DA EMIGRATO – «Se mi avessero detto a 18 anni di fare la mia carriera lo farei mi è piaciuta un sacco. Anche perché poi apprezzi quando torni a casa. Da solo è stato molto difficile, quando la mia compagna mi ha seguito é stato tutto più in discesa».

PISTACCHIO – «Pistacchio perché a me dicevano sempre che avevo la testa grande, io da piccolo mi incazzavo molto ma ora mi fa ridere. Deiola invece ha la testa piccola e quindi è nata la testa come un pistacchio».

VENEZIA CAGLIARI SCIAGURATO – «Ero a Ferrara in un ristorante e l’ho guardata con amici. Io la vedo un po’ distaccata perché chi l’ha vissuta in pieno e ha rancore sono i miei compagni. Io ho voglia di fare bene ma loro ancora di più. L’ho vissuta con incredulità. Non ci credevo, penso sia stata una sensazione di tutti i tifosi. Qualche mio compagno ce l’ha segnata, vi posso assicurare che la sentono come una partita importante».

BARI – «Il campionato di B ormai penso di conoscerlo, noi non stavamo benissimo e loro si difendevano e basta. Era una partita in cui poetare un pari a casa, quello che fa rabbia è che la sconfitta è stata troppo eccessiva».

IL LAVORO – «Abbiamo lavorato su aspetti tattici e concetti che il mister sta cercando di farci capire da quando è arrivato e stiamo migliorando. Il fatto di aver perso ha reso le due settimane pesanti».

LA SERIE B – «Sento le altre partite e pensi che possano vincere entrambe le squadre. Bisogna rimanere attaccati con dei filotti, anche con un punto perché ogni settimana ci sono squadre che possono prendere punti».

IL RUOLO – «Sono un centrocampista offensivo, è molto semplice il mio ruolo. Io penso di essere uno di quelli. Nella categoria attaccante no, perché hanno poca propensione ad aiutare la squadra. Mi sento centrocampista da questo punto di vista. Liverani non chiede qualcosa, è più un modo di ragionare prima che ti arrivi il pallone. Non si può spiegare, lo devi vivere in ogni allenamento. Lo ha sempre detto e glielo riconosco, ti chiede di ragionare più che essere istintivo».

LA NOTIZIA DEL RITORNO – «Mia mamma mi ha chiesto di sapere se fossi tornato in Sardegna. Quando vengono allo stadio hanno molta ansia ed è una situazione molto particolare per loro. La cosa che mi mancava di più sono state le pizzette al taglio, in Italia non si trovano. E poi avere il poetto e poter fare una passeggiata».

IL NUMERO 5 – «L’8 non era disponibile e alcune persone vicine mi hanno consigliato di prendere il 5. Allora ho detto pensandoci bene, perché no. Io ci ho giocato con Daniele ed è stato il mio capitano. E ho vissuto la sua partita più importante quella con il Napoli. Mi sono preso la responsabilità, ma l’ho fatto sentendo tutti i pareri. Ho sentito la società, il gruppo è soprattutto Lele. Se avessi sentito un minimo di dubbio da parte di Daniele non l’avrei mai presa».

LA SERIE A – «La cosa più bella è non pensare al futuro. Mi sta piacendo indossare la maglia del Cagliari, vivere il presente quotidiano e il mondo Cagliari calcio. Io ho sempre viaggiato e il mio destino era viaggiare, molti credono che io chiuda la carriera qui. Ma per noi sardi è una cosa troppo bella. Non sarei mai tornato senza essere protagonista».

NAINGGOLAN – «È il più forte con cui mi sono allenato, ma non abbiamo mai giocato insieme in partita. Nel suo apice era veramente assurdo. E mi piace anche come persona, con i suoi difetti è una persona onesta e vera. Non gira intorno, se ha un problema te lo dice subito».

LE PIÙ FORTI – «Il Genoa a livello dei nomi è la più forte. Ma mi piacciono anche Reggina, Brescia e Frosinone».

LIVERANI – «È veramente un tema molto delicato perché è stata una botta tremenda per lui, ma è veramente molto professionale e non ci ha fatto capire nulla. Siamo la sua valvola di sfogo. La partita l’abbiamo preparata con un po’ di amarezza dopo la sconfitta con il Bari, ma abbiamo capito cos’è la serie B».

Advertisement

News

Video

Cagliari News 24 – Registro Stampa Tribunale di Torino n. 50 del 07/09/2021 - Iscritto al Registro Operatori di Comunicazione al n. 26692 – PI 11028660014 Editore e proprietario: Sportreview s.r.l. Sito non ufficiale, non autorizzato o connesso a Cagliari Calcio S.p.A. Il marchio Cagliari Calcio è di esclusiva proprietà di Cagliari Calcio S.p.A.