Connettiti con noi

Hanno Detto

Malagò: «E’ giusto che lo Sport e il calcio possano contare sui ristori»

Pubblicato

su

Ascolta la versione audio dell'articolo

Giovanni Malagò, presidente del CONI, ha parlato ai microfoni del Corriere della Sera. Le sue parole su Covid, Serie A e Governo

Giovanni Malagò ha parlato al Corriere della Sera. Le parole del presidente del CONI:

PROTOCOLLO – «Ho subito ritenuto iniquo il primo protocollo abbozzato della Lega Calcio. Sono fiducioso che si possa fare un protocollo adatto alle esigenze dello sport italiano».

AIUTI ECONOMICI – «E’ giusto che il calcio, e lo sport in generale, debbano poter contare su ristori importanti dopo le perdite che hanno subito e continuano a subire. Mi impegnerò per arrivare in tempi brevi a una soluzione che tenga presente quanto il comparto sportivo versa nelle casse dello stato e, in prospettiva, quanto lo stato perderebbe se molte realtà sportive dovessero sparire». 

2021 SPORTIVO – «Nel 2021 ha conquistato 283 podi tra Olimpiade, Mondiali ed Europei. Siamo secondi nel mondo, dietro gli Usa, davanti a Cina, Giappone, Germania, Francia, Gran Bretagna e Russia. Come definirlo? Un miracolo sportivo, dietro il quale ci sono talento, organizzazione, competenza, responsabilità, passione. Una sola riflessione: lo sport italiano merita maggiore considerazione».

CONI CENTRALE NELLO SPORT – «Premessa: il governo Draghi ha sempre mostrato attenzione verso il Coni. Lo sport ha la sua autonomia, sancita dalla legge, sono stati capiti i rischi a livello internazionale: il Coni è centrale, ma è necessaria una maggiore consultazione di chi gestisce lo sport, di chi ne ha la responsabilità e lo guida».

AMBIZIONI – «Io non ho ambizioni per- sonali, sono al mio ultimo mandato, quindi parlo per lo sport e per il futuro del Coni».

Advertisement

News

Advertisement