Connettiti con noi

News

Joao Pedro, il capitano che cerca di portare il Cagliari in alto

Pubblicato

su

Dopo la passata stagione conclusasi con 15 reti, Joao Pedro continua ad essere il perno del Cagliari e la certezza di mister Di Francesco

Chi quest’estate nutriva dei dubbi sul fatto che Joao Pedro avrebbe potuto ripetere i numeri della stagione precedente, si è dovuto ricredere. Il bomber brasiliano è la vera certezza del Cagliari: riesce a sbloccare anche le partite più difficili, imponendosi come uno dei marcatori più pericolosi della Serie A. Ha chiuso il suo 2020, il suo anno migliore dal punto di vista calcistico, con una doppietta all’Olimpico che al Cagliari è servita ben poco visto il risultato finale della partita ma, in compenso, ha permesso a Joao Pedro di diventare uno dei brasiliani più prolifici nei principali campionati europei. Quindici i sigilli messi a segno nell’anno solare, venti quelli dello scorso campionato e otto i gol realizzati in questo primo scorcio di stagione.

DIFFICILE FARNE A MENO – Il Cagliari sembra non poter fare a meno del bomber di Ipatinga. Anche Eusebio Di Francesco, al suo arrivo a inizio stagione, non ha potuto fare altro che ribadire una tendenza che si era già affermata con allenatori come Rolando Maran e Walter Zenga: Joao Pedro è insostituibile e la sua presenza fondamentale in area offensiva ha fatto capire al nuovo tecnico abruzzese che il 4-3-3 non era il modulo ideale per i rossoblù ma soprattutto non giovava al brasiliano, sacrificato e lontano da quella porta verso la quale riesce a dirigersi con freddezza per farla sua. Con il nuovo schieramento, invece, Joao ha iniziato a fare meraviglie, a mietere le sue vittime, ad andare sempre a segno diventando fatale in coppia con il Cholito Giovanni Simeone.

2021 – Le ultime partite del Cagliari, convincenti per prestazione ma non per il risultato, non preoccupano Joao Pedro che, con la fascia da capitano sul braccio, vuole onorare sempre di più la maglia e la squadra che ha sempre puntato su di lui nonostante le difficoltà incontrate negli anni. Il 3 gennaio la Sardegna Arena inaugurerà il nuovo anno sfidando il Napoli di Gattuso ma niente paura, JP sa già cosa fare, vuole festeggiare il 2021 aggiungendo nella lista delle sue vittime la squadra partenopea e soprattutto vuole festeggiare con il Cagliari una vittoria che manca da troppo tempo, tanto da sembrare un ricordo lontanissimo.

SIAMO ANCHE SU INSTAGRAM: SEGUICI!

Advertisement