Connettiti con noi

Focus

Joao Pedro 10 azzurro, il web si scatena: «Non è degno di indossarla». L’analisi del momento

Pubblicato

su

Dopo l’ufficialità dei convocati e dei numeri di maglia azzurri sono partite le critiche per l’assegnazione del 10 a Joao Pedro

Il web e tutto il mondo social in queste ore si è espresso quasi totalmente a sfavore della assegnazione della maglia numero 10 dell’Italia al capitano e attaccante del Cagliari Joao Pedro per la sfida di stasera contro la Turchia.

Joao Pedro è stato quasi definito “non degno” di indossare la maglia che in passato è appartenuta a campioni come Baggio, Del Piero e Totti e che nel recentissimo passato è stata sulle spalle di Lorenzo Insigne. Ma sorge spontanea una domanda, cosa serve per essere degni di indossare la maglia numero 10 azzurra? Le risposte sono molteplici e nessuna può essere definita quella corretta, ma una cosa nel calcio è sempre certa: parlano i numeri sul campo. Joao Pedro, a tutti gli effetti arruolabile come italiano nelle fila azzurre, in questa stagione ha fatto registrare numeri maggiori rispetto a Insigne in termini di gol, leadership e carisma. In questa stagione il capitano del Cagliari ha messo a segno 3 gol in più rispetto al collega partenopeo. Nelle ultime tre stagioni Joao Pedro ha realizzato 44 gol a differenza dei 34 di Insigne, ben 10 marcature in più. Sempre nelle ultime tre stagioni solo Immobile ha fatto meglio di lui, ma Ciro è un classico numero 9 non un numero 10. Numeri alla mano, siamo così sicuri che la 10 non stia bene sulle spalle di Joao Pedro? Oppure si fa un discorso prettamente legato al colore della pelle o la città di nascita?

Advertisement