Connettiti con noi

Hanno Detto

Italia Under 21, Nicolato: «Non siamo antisportivi. Sulla Slovenia…»

Pubblicato

su

Paolo Nicolato, ct dell’Italia Under 21, ha parlato in conferenza stampa alla vigilia del match contro la Slovenia. Le sue parole

Paolo Nicolato, ct dell’Italia Under 21, ha parlato in conferenza stampa alla vigilia del match contro la Slovenia. Le sue parole.

SLOVENIA – «Se non possiamo cambiare uomini, e non ne abbiamo tantissimi, dovremo cambiare la loro dislocazione in campo. Ci prepariamo per fare qualcosa di diverso per centrare il passaggio ai Quarti. Non voglio che pensiamo agli altri risultati: dobbiamo tenere libero il cervello e pensare a noi. Le cose fatte finora le abbiamo fatte bene, a fine gara tiriamo le somme e vediamo cosa è successo. Fattore campo? Sì, perché loro comunque giocano in casa e hanno una spinta mediatica forte. Hanno fatto delle buone gare contro Inghilterra, Germania e Portogallo, seppure in amichevole. Hanno uno spirito che io definisco patriottico: hanno grande temperamento. Noi arriviamo con qualche difficoltà di partenza: non appoggiamo a pronostici o altre ragioni, dobbiamo pensare di concentrarci».

ANTISPORTIVI – «Io alla mia squadra chiedo dei valori. Non ho visto interventi particolarmente violenti. Mi spiace molto per le squalifiche ai miei giocatori e per come vengono interpretate le nostre partite: abbiamo sempre finito 11 contro 11. È vero, abbiamo sbagliato, ma non siamo antisportivi. Anzi, non siamo facili da affrontare: è un pregio, non un difetto. De la Fuente? Penso sia andato fuori strada. Non ci sono stati interventi antisportivi, anzi. Ci sono stati interventi anche duri, ma perché c’è voglia di vincere».

SINGOLI – «Siamo arrivati qui, abbiamo fatto un allenamento e poi siamo andati subito in campo. Da un giorno all’altro si entra tutti ad affrontare un sogno e non è facile. Raspadori? Sicuramente dovremo fare delle variazioni, sia in relazione alle caratteristiche degli avversari, sia dei nostri giocatori. Dobbiamo metterci nelle condizioni migliori, soprattutto quando non ha molto tempo, come capita nelle Nazionali. Lui sa fare determinate cose che non sono le stesse di Scamacca: dovremo cambiare delle dinamiche, che giochi lui o Colombo».

EUROPEO – «Questa è una manifestazione importante, non si può pensarla come una sorta di esperimento. Sicuramente va punito il comportamento antisportivo: io ho mandato a casa giocatori in passato. Non ci dobbiamo legare solamente però alla spinta, o al tocco: spostare un giocatore non è un fallo, non sempre. C’è un mondo in mezzo ed è lì la discrezione degli arbitri: se tutto fosse meccanizzato, sarebbe tutto uniformato e non finiremmo più le partite. Non possiamo delegare tutto alla tecnologia: è lì la bravura degli arbitri. A me spiace che siamo stati etichettati come cattivi, non ci corrisponde, ma mi pare che ci siano stati dati dei cartellini con poca riflessione».