Inter-Cagliari 1-1, le pagelle: tante note positive per i rossoblu

© foto www.imagephotoagency.it

Le pagelle di Inter-Cagliari 1-1: Maran spiazza tutti col 3-5-2 e vince il duello tattico con Conte

Un pareggio che sa tanto di iniezione d’autostima per il Cagliari, che esce indenne da San Siro al termine di una prestazione di grande organizzazione tattica. Al gol di Lautaro nel primo tempo ha risposto Nainggolan nel finale di gara. Tante le note positive tra i rossoblu, dal ritorno di Cragno al rendimento della linea difensiva a tre.

LA DIRETTA DEL MATCH

Inter-Cagliari 1-1, i voti

INTER (3-5-2): Handanovic 6; Skriniar sv (dal 17′ Godin 6), de Vrij 6, Bastoni 6.5; Young 6.5, Barella 6, Borja Valero 6.5, Sensi 6.5 (dall’82’ Sanchez sv), Biraghi 5.5 (dall’85’ Dimarco sv); Martinez 6.5, Lukaku 6.
A disposizione: Padelli, Berni, Moses, Ranocchia, Esposito, Agoumé, D’Ambrosio.
Allenatore: Conte.

CAGLIARI (3-5-2): Cragno 6.5; Faragò 6.5, Walukiewicz 6, Klavan 6.5; Nandez 6.5, Ionita 6, Oliva 6 (dal 74′ Castro sv), Nainggolan 6.5 (dall’86’ Cigarini sv), Pellegrini 5.5 (dal 76′ Mattiello sv); Joao Pedro 6; Simeone 5.5.
A disposizione: Olsen, Rafael, Lykogiannis, Porru, Birsa, Gagliano.
Allenatore: Maran.

Inter-Cagliari, le pagelle motivate dei rossoblu

CRAGNO 6.5: non può nulla in occasione del gol di Lautaro, che stacca senza grosse opposizioni di Walukiewicz. Salva il risultato in almeno tre occasioni, pur dando l’impressione di dover ancora raggiungere gli standard a cui ci aveva abituato.

FARAGÒ 6.5: schierato ineditamente come terzo di destra, si disimpegna bene in entrambe le fasi. Non manca di supportare l’azione offensiva, come da attitudine, arrivando spesso sulla trequarti nerazzurra. Nel finale di primo tempo va vicino al gol di testa.

KLAVAN 6.5: ingaggia il duello fisico con Lukaku, impedendogli – quasi sempre con le buone – di diventare pericoloso in campo aperto. Un lavoro oscuro che va evidenziato e premiato.

WALUKIEWICZ 6: è il centrale della linea a tre. Guida la difesa mostrando grande personalità, anche se eccede in sicurezza nei suoi mezzi facendo correre qualche brivido alla difesa. La sua prestazione è macchiata dalla leggerezza nella marcatura su Lautaro in occasione del vantaggio nerazzurro.

NANDEZ 6.5: da esterno nel centrocampo a cinque deve fare tutta la fascia: è ovunque. Svolge bene entrambe le fasi. Nella ripresa azzarda un dribbling al limite della propria area che per poco non porta al raddoppio dell’Inter, forse uno dei pochi errori di una gara interpretata molto bene.

NAINGGOLAN 6.5: Torna mezzala, sostanza e qualità in mezzo al campo. Rari gli inserimenti in avanti: al Cagliari manca in collante tra centrocampo ed attacco, ma Maran oggi preferisce la densità in mezzo. Il belga risulta comunque letale: dal suo destro, deviato da Bastoni, arriva il pareggio. Dall’86’ CIGARINI sv: dentro per un Nainggolan stremato ed in preda ai crampi. Pochi minuti di gioco per il numero 8 isolano.

OLIVA 6: detta i tempi di un Cagliari che, per modulo, non trova con costanza le vie centrali. Maran lo sceglie per il suo dinamismo, ma va in difficoltà quando si tratta di frenare le offensive centrali dell’Inter. Dal 74′ CASTRO sv: Maran vuole aggiungere qualità alla manovra, l’argentino si fa notare per un’azione portata avanti con grande spirito.

IONITA 6: solita quantità e corsa a disposizione della squadra, evita di staccarsi dalla linea mediana e di prendersi particolari responsabilità.

PELLEGRINI 5.5: si prende più di un rischio in fase di impostazione. Dal cross di Young, suo dirimpettaio nello scacchiere di oggi, arriva il gol dell’Inter. In avanti spreca più di una potenziale occasione sbagliando qualche traversone di troppo, ma ne effettua altrettanti velenosi. Dal 76′ MATTIELLO sv: entra nell’ultimo quarto d’ora per dare riposo ad un Pellegrini che ha speso tantissimo. Qualche sortita offensiva per riprendere confidenza col ritmo partita.

JOAO PEDRO 6: deve svariare su tutto il fronte offensivo alle spalle della linea mediana nerazzurra. Tenta di far staccare uno dei centrali difensivi per creare spazio per degli inserimenti dalle retrovie, che però non arrivano. Tanto lavoro oscuro, poche soddisfazioni.

SIMEONE 5.5: in avvio spara alto da buona posizione, fa a sportellate con i centrali nerazzurri e fatica a tenere palla. Il sistema di gioco adottato oggi dai rossoblu non lo favorisce. Spende, come al solito, tantissimo ma è poco lucido nei momenti chiave. Da salvare, però, l’impegno.

MARAN 6.5: sorprende un po’ tutti scegliendo un 3-5-2 speculare all’Inter. Mossa vincente: il Cagliari fa la partita ed i nerazzurri faticano a trovare le contromisure. Ma la compattezza che trova schierando cinque centrocampisti gli toglie fantasia e uomini tra le linee. E’ un Cagliari decisamente quadrato, che però perde tanto negli ultimi 20 metri. Alla fine arriva un punto che dà autostima e permette ai rossoblu di fare un altro passetto in avanti in classifica.

Iscriviti gratis alla nostra Newsletter

Privacy Policy