Inchiesta GdS: Cagliari ultimo per acquisti nell’ultima stagione

© foto www.imagephotoagency.it

Nell’inchiesta sulla crisi del calcio italiano pubblicata stamane “La Gazzetta dello Sport” ha posto particolare attenzione anche al capitolo delle plusvalenze, perché il campionato italiano è caratterizzato da club orientati al trading, vitale del resto per sistemare i conti e rimandare le ricapitalizzazioni.

E questo è il caso inevitabilmente anche del Cagliari, che ha generato 23,8 milioni di euro di plusvalenza nel 2011. Senza di essere l’intero movimento calcistico della massima categoria avrebbe un buco di ben 700 milioni di euro, ma il nodo della questione è: quante di queste plusvalenze generano denaro, quante, invece, servono solo a sistemare i conti, non producendo, dunque, un passaggio di denaro?

Come evidenziato poi nel grafico pubblicato dal quotidiano sportivo (che vi riportiamo di seguito), il Cagliari è in fondo alla classifica dei club che hanno generato movimentazioni in entrata nel 2013/14: 11 milioni euro per il club sardo.

Articolo precedente
Per la difesa spunta anche Gagliolo, vicino Husbauer
Prossimo articolo
Botta, l’esterno piace ancora al Cagliari