Gotti: «Cagliari forte e consapevole. A noi mancano 3-4 punti»

gotti udinese
© foto Db Torino 15/12/2019 - campionato di calcio serie A / Juventus-Udinese / foto Daniele Buffa/Image Sport nella foto: Massimo Gotti

Vigilia di Udinese-Cagliari, le parole di Gotti: «I punti servono, ma è più importante continuare il nostro percorso. Rossoblu forti e consapevoli»

In mattinata ha parlato alla stampa Luca Gotti, tecnico dell’Udinese che domani alle 15  affronterà il Cagliari alla Dacia Arena. L’allenatore, in carica dallo scorso inizio di novembre, vuole rialzare la squadra nell’ultima partita del 2019 per ritrovare vittoria e sorriso che mancano ormai da un mese e mezzo. Anche per questo la sua squadra è in ritiro da ieri: un modo per concentrarsi al meglio in vista dell’impegno contro i rossoblu di Maran. Di seguito le parole di Gotti, riportate dal sito ufficiale dell’Udinese: «Sicuramente c’è bisogno di punti, perché una classifica serena mette in condizione i giocatori di lavorare meglio. Ciò che più conta però, mancando ancora 23 partite, è che la squadra segua un percorso virtuoso in tutto questo arco di tempo. Credo che a questa squadra, per ciò che ha espresso in campo, manchino 3-4 punti che sarebbero la differenza tra l’attuale classifica e una situazione più serena».
I SINGOLI – «Ekong? Penso abbia ancora bisogno di fiducia. Pussetto si sta allenando con continuità e si sta avvicinando ad avere i 90 minuti nelle gambe. Nel gruppo degli attaccanti è quello che può essere più facilmente adattato alla posizione esterna. Per De Paul questo avvio di campionato è stato senza dubbio condizionato dalla squalifica per tre giornate dopo l’Inter. In più, nelle prime partite il suo ruolo cambiava tra centrocampo e attacco a seconda delle necessità del momento. Ora è stabilmente nel cuore del centrocampo, un po’ più distante dalla porta e all’interno di una costruzione di gioco più di squadra: questo toglie qualcosa dal punto di vista delle statistiche, ma non al valore del giocatore. Okaka? A 30 anni è un giocatore più maturo e sta interpretando il suo modo di giocare a calcio in maniera differente: non solo alla ricerca del gol, ma molto più a servizio dei compagni».
IL CAGLIARI – «È una squadra che ha cambiato dimensione, si è dotata di giocatori di levatura superiore rispetto alle scorse stagioni e ha ottenuto 13 risultati utili consecutivi che le hanno dato forza e consapevolezza, ma anche grandi aspettative. Da questo punto di vista potrebbe forse risentire di come si è concluso il match contro la Lazio».