Filucchi, nuova nomina per il vicepresidente in allontanamento

© foto www.cagliarinews24.com

Un nuovo incarico per Stefano Filucchi: il vicepresidente del Cagliari Calcio in allontanamento ma con una marcia in più

Al Cagliari Calcio arriva in punta di piedi. Nel 2014, con un curriculum solido e infinito, esperienze trasversali, un fraseggio dotto, toscaneggiante e concreto al tempo stesso. Stefano Filucchi, livornese con passaporto e rapporti declinati su scala internazionale, è stato nominato dal ministro della Difesa, Lorenzo Guerini, vice presidente di Difesa Servizi spa. Una telefonata dal ministero in pieno lockdown, lo scorso 25 aprile. Il brindisi frugale in famiglia, lo sguardo d’intesa della moglie Nadia. Gente tosta, concreta, poco propensa a perdere la calma. Anche se quel che arriva è un altro pregiato tassello professionale. In aggiunta al filotto che ne ha contraddistinto carriera e passione. In Sardegna da decenni («Permettetemi di considerarmi un vostro figlio»), presenza silente e di peso in raffineria a Sarroch da direttore relazioni esterne, l’amicizia e il rispetto conquistato ovunque. Su tavoli in noce e scrivanie spesso complicate da tenere in equilibrio. Classe ’59, laurea in Giurisprudenza alla Sapienza, Stefano Filucchi ha operato al dipartimento di Pubblica Sicurezza del Ministero dell’Interno, è stato portavoce del capo della polizia, manager per il comune di Firenze, consulente dell’Associazione Nazionale Comuni Italiani. Nell’isola è stato eletto vicepresidente per la comunicazione di Assindustria sud Sardegna. All’Inter approda nel 2003. In nerazzurro è stato direttore relazioni istituzionali e sicurezza, vice direttore generale, segretario del comitato strategico. Ma non solo. Il dirigente che ha tenuto testa con simpatia a Ibrahimovic e consolato Ronaldo, è Grande Ufficiale della Repubblica, è stato membro dell’Osservatorio nazionale manifestazioni sportive-ministero dell’Interno, consulente Onu e del Senato, docente a Scienze della Comunicazione, Università Cattolica di Milano. La curiosità? A gennaio 2019 era azionista di minoranza dell’Inter con 1.000 azioni.

Amore rossoblù. Amico fraterno di Max Allegri, stratega abile anche nei frangenti meno fluidi, ritenuto cruciale dai campioni del triplete, da Zanetti a Milito, ombra fidata della famiglia Moratti. Basta e avanza per disegnare la storia. Anche al Cagliari. Figura di ineludibile riferimento per Massimo Moratti – che gli affida anche la riorganizzazione e la gestione della sicurezza dell’azienda petrolifera, ma anche quella personale e della propria famiglia – Filucchi è la pedina perfetta in prestito al debuttante Tommaso Giulini. Il manager dispensa consigli al patron con otto anni da consigliere d’amministrazione dell’Inter. Appiana e risolve frizioni, connette il club con questori, prefetti, alte cariche. Agevola relazioni con aziende, sponsor, enti pubblici e privati, tifoserie. Senza scordare l’intesa e la competenza su e con calciatori, tecnici e procuratori. Conoscenze e mestiere. Basti pensare all’iter inerente la Sardegna Arena e a quello che sarebbe potuto essere il supporto sul nuovo impianto. In breve, al posto giusto nel momento giusto. Poi, il feeling con la presidenza si affievolisce. O forse no. I fatti raccontano di un dilatarsi delle presenze del grand commis in casa Cagliari. Qualche partita in panca («Il calcio visto a bordo campo è sempre una bella emozione»), sporadiche presenze ai cda. Dietro, il lavoro nel board di varie aziende del nord Italia. Ma è questa la verità? Intanto, il figlio Francesco, dirigente sportivo, match analyst, consulente di mercato, fa scuola guida ad Asseminello. Ma non dura. Ci sta. Però, fa sorridere il successivo incarico: al Brescia di Massimo Cellino, poi al Lecco da direttore generale. Quindi, lo scorso autunno, la nomina di un secondo vice e qualificato presidente rossoblù, Fedele Usai. Nella forma, un atto legato anche al susseguirsi di impegni e incarichi del Richelieu in salsa nostrana. Nel merito, chissà. Intanto, su i calici. Difesa servizi spa gestisce immobili, caserme, basi logistiche e brand di Aviazione, Marina, Esercito e Carabinieri. Stefano Filucchi approda nel suo nuovo ufficio in via Flaminia 335 a Roma lunedì 8 giugno. Un grande scudetto, conquistato in trasferta.