Faragò: «Il Cagliari è la squadra che mi ha voluto di più, la maglia rossoblù la sento mia»

© foto www.imagephotoagency.it

L’esterno del Cagliari Paolo Pancrazio Faragò ha parlato nell’intervista rilasciata a La Nuova Sardegna

Sei mesi di ambientamento, un inizio di campionato in salita fino all’esplosione. Paolo Pancrazio Faragò ha lavorato duramente nel corso della stagione per guadagnarsi la maglia da titolare nel Cagliari di Diego Lopez. Merito anche del modulo scelto dall’allenatore uruguayano: «Il 3-5-2 mi piace molto perché posso esprimermi al meglio – conferma l’esterno rossoblù – So benissimo che devo migliorare la fase difensiva, ci lavoro tutti i giorni. Ma sono sulla buona strada. Il mister e Agostini mi stanno aiutando tantissimo a crescere e gestire al meglio tutte le situazioni in campo. Entrambi mi trasmettono tranquillità».

CAGLIARI – Faragò ha parlato nell’intervista concessa a La Nuova Sardegna: «La più grande soddisfazione? Essere arrivato a giocare in Serie A. Credo sia l’obiettivo di ogni bambino. Devo ringraziare me stesso perché ho lavorato tanto per arrivare in questo palcoscenico. Dopo aver fatto una bella stagione a Novara sono arrivate tante richieste. Il Cagliari è la società che mi ha voluto di più e io sono stato felice di accettare questa proposta. Il direttore Capozucca mi è stato dietro per sei mesi prima di chiudere la trattativa».

BENEVENTO – Il numero 16 rossoblù, autore di 2 gol e 4 assist in stagione, ha commentato anche l’ultima vittoria in extremis di Benevento: «Tre punti d’oro, ma finché la matematica non dice che siamo al sicuro la concentrazione deve restare altissima».

FUTURO«Ho un contratto fino al 2022 ma sono abituato a guardare al presente – dice ancora FaragòPosso dire una cosa, la maglia rossoblù la sento sempre più mia e con i tifosi ho davvero un bel rapporto».

Articolo precedente
barella cagliariBarella: «Mercato? Gioco per il Cagliari, non chiedo altro»
Prossimo articolo
whoscoredCeppitelli: «Possiamo chiudere il discorso salvezza nelle prossime partite» – VIDEO