Di Francesco: «Dobbiamo migliorare in fase difensiva»

Di Francesco Cagliari
© foto 04-08-2020 Cagliari, Teatro Doglio, Presentazione Di Francesco e Carta. Foto Gianluca Zuddas/CagliariNews24.com. Nella foto: Di Francesco

Sconfitta per il Cagliari di mister Eusebio Di Francesco contro il Bologna. Il tecnico dei sardi ha commentato il match nel post gara

Il Cagliari di mister Eusebio Di Francesco esce dallo stadio Renato Dall’Ara sconfitto di patroni di casa del Bologna. I gol di Joao Pedro e Simeone non bastano per portare in Sardegna qualche punto. Al termine della gara i microfoni di Dazn hanno intervistato il tecnico degli isolani. Di seguito le sue parole.

SIAMO ANCHE SU INSTAGRAM: SEGUICI!

LE DICHIARAZIONI – «Non sono contento del fatto che difendiamo con troppa superficialità in alcuni momenti della gara. Sono molto arrabbiato in questo senso. Dobbiamo prestare maggiore attenzione quando gli uomini vanno a calciare con troppa facilità. La squadra ha iniziato a far vedere alcune fasi offensive buone, ma bisogna lavorare tanto ancora con la fase difensiva. Pecchiamo troppo in quei momenti lì, dobbiamo assolutamente migliorare. Possiamo anche andare in vantaggio due volte ed essere rimontati due volte, anche per bravura degli avversari, ma questa è una cosa che ci accade  un po’ troppo spesso e dobbiamo migliorare. Dobbiamo essere bravi anche a difendere bassi, non esiste che si difenda solo alti. Bisogna essere più compatti, essere bravi nei duelli e voglio che la squadra capisca che per arrivare ad alcuni risultati bisogna imparare a difendere in maniera differente. Nandez? Sta migliorando in fase difensiva-offensiva, è un po’ la pedina che sfrutto per la superiorità numerica sulla destra. Siamo stati poco qualitativi in alcune conclusioni e dobbiamo imparare anche a sfruttare meglio le ripartenze. Nel primo tempo abbiamo rubato spesso palla ma siamo ripartiti con troppi errori tecnici. Mettendo Ounas e mettendo Sottil ci ritroveremo con quattro attaccanti e dovremmo trovare l’equilibrio giusto. Non esiste comunque che abbiamo lasciato troppo spesso il Bologna libero di calciare in porta dal limite dell’area e sono molto arrabbiato per questo. Mancavano 5 minuti alla fine e ho cercato di  mettere due attaccanti di struttura per sfruttare al meglio tutti i cross, cosa che dovevamo fare un pochino meglio e con maggiore qualità. La squadra stava sviluppando bene anche con l’ingresso di Ounas, ma siamo mancati un po’ nella fase conclusiva».