Parma, D’Aversa: «Cagliari squadra di alto livello»

d'aversa parma
© foto www.imagephotoagency.it

Alla vigilia di Cagliari-Parma ha parlato anche Roberto D’Aversa. Il tecnico degli emiliani ha messo in guardia i suoi e dato qualche indicazione sulle condizioni della squadra

In tarda mattinata anche Roberto D’Aversa ha presentato alla stampa Cagliari-Parma. Il match in programma alla Sardegna Arena domani alle 18 è uno di quelli da non sottovalutare, come lo stesso tecnico dei ducali ha tenuto ad evidenziare in più di un tratto di conferenza stampa. D’Aversa è partito dalle condizioni di suoi per poi passare all’analisi di gara ed avversario: «ScozzarellaDimarco Sierralta sono indisponibili e Gagliolo non è convocato per squalifica. Bruno Alves si è fermato oggi ma dovrebbe essere della gara. Kucka a parte i primi giorni si è sempre allenato al top, è a disposizione. Stulac è subentrato contro l’Inter e potrebbe non avere i novanta minuti. Aveva la febbre peraltro. Credo che difficoltà Leo per domani non ne abbia, ma la continuità che gli manca è evidente, ma mi preoccupa più la seconda che la sfida di domani. Gobbi al posto di Gagliolo? Può essere una soluzione, si è allenato benissimo dopo l’infortunio. Abbiamo fatto quasi un girone di andata con cinque difensori ma non ci creiamo l’alibi delle assenze. Queste sono numeri che a volte andrebbero riportati», le parole del tecnico, riportate da parmalive.com.

LA VIGILIA DI MARAN: «SERVE UNA PARTITA DA UOMINI»

CAGLIARI-PARMA – «Il Cagliari ha dato grande importanza alla gara leggendo le dichiarazioni della settimana, noi non dobbiamo essere da meno. Anche per noi è una partita molto importante, fondamentale, uno scontro diretto in questo momento. Non pensiamo alle posizioni di classifica, perché il Cagliari ha tanta qualità in rosa, troveremo un clima caldo sotto tutti gli aspetti. Loro vorranno fare risultato e noi dovremo essere bravi a essere pronti a qualsiasi tipo di partita. Calcoli? No, la caratteristica della nostra squadra è che va sempre in campo per ottenere il massimo. C’è naturalmente da considerare le caratteristiche dell’avversario, che sfrutta le caratteristiche di un centravanti forte sulle palle alte e in profondità, sono bravi sulle seconde palle e a giocare in verticale. Dobbiamo andare a Cagliari per provare a portare a casa il massimo, servirà una grande prestazione. Barella? Anagraficamente è un giovane, ma è già un giocatore di grande livello, un Nazionale fisso. Il guaio nostro è pensare alla posizione di classifica del Cagliari, ma ha una rosa di alto livello, con grandi giocatori. Pensiamo a loro come una squadra che non merita la posizione che ha».