Crotone-Cagliari, le pagelle: decisivi Cigarini e Rafael

cigarini cagliari
© foto www.imagephotoagency.it

Il Cagliari strappa un pareggio allo Scida di Crotone. Tante assenze per la squadra di Lopez, capace di rispondere al vantaggio calabrese, tenendo poi l’1-1 in inferiorità numerica per tutto il secondo tempo

Risposta importante del Cagliari. I sardi conquistano un punto chiave nello scontro salvezza col Crotone. Ora i sardi spostano l’obiettivo il radar sulla Spal, che oggi ha pareggiato a Ferrara contro l’Inter.

Crotone-Cagliari, le pagelle:

Cragno 6.5: qualche intervento dei suoi. È costretto a lasciare il campo per infortunio al termine del primo tempo (dal 43’ p.t. Rafael 7: subito decisivo. Appena entrato in campo devia sulla traversa una staffilata di Nalini. Nella ripresa mura prima Benali da pochi passi, poi nega il gol a Martella)
Pisacane 5: non è in partita e si vede. In difficoltà quando è chiamato a impostare, è impreciso nelle coperture. Tagliavento lo manda anzitempo negli spogliatoi a metà gara: rosso esagerato.
Ceppitelli 6.5: decisivo un suo intervento in chiusura su Trotta al 23’ del primo tempo. Regge la coppia con Castan.
Castan 6: avvio così così, cresce col passare dei minuti. Assimila senza troppi patemi il passaggio a partita in corso alla difesa a quattro.
Faragò 6: l’esterno è costretto agli straordinari. Il Crotone gioca tanto sulle fasce, così il numero 16 abbassa di qualche metro il suo raggio d’azione.
Dessena 5: il capitano dei sardi non giocava dal 2-2 contro la Samp del 9 dicembre. Non riesce a incidere.
Cigarini 7: nel recupero del primo tempo riporta in gara il Cagliari con una prodezza su punizione. Ci prova anche al rientro dagli spogliatoi, ma non riesce a trovare il bis (dal 30’ s.t. Andreolli s.v.).
Ionita 5.5: meno preciso del solito. È chiamato al sacrificio.
Padoin 5.5: è il jolly di Lopez. Parte esterno, scala ben presto in difesa. La sua gara è però priva di spunti.
Giannetti 5.5: dopo 20 minuti mette in apprensione Cordaz con una grande girata. Gli manca il gol da tanto tempo, oggi però non ha avuto grandi opportunità (dal 18’ s.t. Lykogiannis 6: entra in campo con lo spirito giusto).
Farias 5: gioca a tutto campo, è però inconsistente. Seconda punta, esterno di centrocampo e centravanti: Lopez le prova tutte, ma il risultato non cambia.

All. Diego Lopez 6.5: a Crotone senza Barella, Joao Pedro e Pavoletti, riesce comunque a strappare un importante pareggio, impedendo così ai calabresi il sorpasso in classifica.


Cordaz 6.5: nel primo tempo salva la porta crotonese con due interventi prodigiosi.
Sampirisi 6: gara ordinata dell’esterno rossoblù. Esce per infortunio all’inizio della ripresa (dal 1’ s.t. Faraoni 6.5: più offensivo rispetto a Sampirisi. Supera spesso la trequarti cagliaritana).
Ceccherini 5.5: non una grande gara per l’ex Livorno. Nel primo tempo rischia l’autorete, nel secondo gli viene annullato un gol per fuorigioco.
Capuano 6: prima da ex per il centrale abruzzese. Non va mai in difficoltà.
Martella 6.5: spinge tanto sulla fascia, anche se a volte gli manca un pizzico di lucidità. Va a un passo dal gol.
Barberis 5.5: è il meno positivo del centrocampo pitagorico (dal 26’ s.t. Budimir 5.5: entra in campo per dare una mano a Trotta. Forse i due si pestano un po’ i piedi).
Mandragora 6: play basso dell’undici di Zenga. Il centrale di proprietà Juve alterna lanci lunghi e palleggio in orizzontale.
Benali 6.5: è una spina nel fianco. Dà il suo contributo in entrambe le fasi.
Ricci 6: si accende a corrente alternata. Il suo cambio di passo mette in apprensione Padoin.
Trotta 6: il numero 29 crotonese soffre la marcatura a uomo di Ceppitelli. Freddo dagli undici metri.
Stoian s.v.: pochi minuti per l’attaccante romeno. Costretto al cambio per un problema muscolare (dal 12’ p.t. Nalini 6: sul finire della prima frazione di gioco ha sui piedi il pallone del possibile raddoppio dei padroni di casa)

All. Walter Zenga 6: attacca il Cagliari sulle fasce, costringendo Lopez ad abbassare il baricentro dei sardi. Il suo Crotone approfitta della superiorità numerica per imporre il possesso palla, che tuttavia si rivela sterile.