Cagliari, Cragno: «Contro il Napoli diremo la nostra»

© foto www.imagephotoagency.it

Verso Cagliari-Napoli, Alessio Cragno indica la via per strappare punti al Napoli ed ammette il rimpianto di non aver sfruttato le gare interne contro Sassuolo, Chievo e Genoa all’andata

Un pensiero fisso, quello di mettere i bastoni tra le ruote alla capolista e tornare a fare punti dopo lo stop in casa del Chievo Verona. Il Cagliari lunedì proverà a fermare il Napoli, la Sardegna Arena si prepara per un match tanto atteso sull’isola. Gare come quella contro il Napoli nascondono tante insidie ma portano altrettante motivazioni. Motivo per cui in questi giorni ad Asseminello la concentrazione è al massimo, parola di Cragno: «Il Napoli si può sgambettare giocando da squadra. La stiamo preparando bene, con la tensione giusta: queste partite richiedono dosi supplementari di concentrazione e temperamento. Su tattica e gestione della gara stiamo seguendo le indicazioni di Lopez, i tifosi stiano tranquilli: diremo la nostra», ha spiegato a La Gazzetta dello Sport.

VERSO IL NAPOLI – Reduci dal passo falso esterno contro il Chievo, i ragazzi di Lopez proveranno a strappare punti tra le mura amiche. Un cammino, quello nel nuovo impianto casalingo, macchiato da qualche sconfitta di troppo: «Ci dobbiamo sdebitare con i tifosi». E non è un caso che il portiere classe ’94 metta tre gare casalinghe tra quelle che vorrebbe rigiocare: «Contro Sassuolo, Chievo e Genoa tutti noi avremmo dovuto dare di più, oggi avremmo una classifica diversa». Lo stop del Bentegodi non ha compromesso una classifica che vede il Cagliari a +8 dalla terzultima, ma Cragno a 13 giornate dalla fine tiene la calcolatrice lontana e non pone limiti alla squadra: «Non dobbiamo fare calcoli nè accontentarci: arriviamo quanto prima a 40 punti, poi vedremo».

Articolo precedente
canzi cagliari primaveraPrimavera, i convocati di Canzi per Cagliari-Salernitana
Prossimo articolo
Nuovo stadio, Signorelli: «Entro inizio aprile sceglieremo lo studio di progettazione»