Chievo-Cagliari, le pagelle dei rossoblù

© foto www.imagephotoagency.it

Altra sconfitta esterna per il Cagliari che a Verona contro il Chievo incassa il quarto k.o. nelle ultime cinque gare, anche se questa volta riesce per lo meno ad evitare la goleada. Al “Bentegodi” decide la rete dell’1-0 segnata dall’ex Massimo Gobbi all’ottavo della ripresa.

Storari 6: Il Chievo crea pochi pericoli dalle sue parti. Incolpevole in occasione del gol segnato da Gobbi. Per il resto della gara è praticamente inoperoso.

Ceppitelli 5,5: Senza Pisacane infortunato e Isla non al meglio dopo gli impegni con la nazionale, il capitano di giornata si adatta a fare il terzino destro, faticando a trovare la giusta posizione. Con l’ingresso di Isla nella ripresa, torna a fare il difensore centrale.

Bruno Alves 5: Sbaglia completamente l’anticipo in occasione della rete di Gobbi, lasciando la difesa sguarnita e permettendo al terzino gialloblù di segnare facilmente il gol dell’ex.

Salamon 5,5: Ad inizio ripresa salva sulla linea una conclusione del Chievo, poi si fa infilare in velocità da Gobbi in occasione del gol dell’1-0 (dal 69’ Isla s.v.: Gioca da mezzala destra il finale di gara nel tentativo di mettere palloni interessanti per le punte, senza successo).

Bittante 6: Meglio a sinistra che a destra, dove lo si era visto finora quando è sceso in campo da titolare. Garantisce una buona spinta, ma non basta.

Barella 5,5: Prestazione non sufficiente per il giovane centrocampista rossoblù che gioca pochi palloni e soffre il gioco fisico del Chievo a centrocampo.

Munari 5: Rastelli aveva annunciato alla vigilia che avrebbe giocato lui da playmaker a causa dell’assenza di Tachtsidis, ma più che creare gioco – viste le sue caratteristiche – è chiamato a distruggerlo, provando a dare quantità e fisicità in mezzo campo.

Padoin 5: Prima mezzala destra, poi terzino destro. Il risultato però non cambia. Si fa vedere poco ed è poco cercato dai compagni. Invisibile.

Di Gennaro 6: È il più vivace della squadra. Cerca con continuità il dribbling, riuscendo a saltare l’uomo, anche se in certe situazioni tende a tenere troppo il pallone, perdendo l’attimo giusto per servire i compagni (dal 79’ Borriello s.v.: Solo pochi minuti per il capocannoniere del Cagliari che prova )

Farias 5,5: Non riesce a dare la giusta vivacità all’attacco del Cagliari, anche se l’occasione più pericolosa dei rossoblù – il tiro-cross d’esterno nel finale uscito di poco fuori – è sua.

Giannetti 5: Prestazione non positiva per il numero 32 che non riesce mai a rendersi pericoloso. Schierato a sorpresa titolare, per la prima volta in Serie A, fatica a controllare i pochi palloni che gli arrivano lontano dalla porta (dal 66’ Melchiorri 5: Entra malissimo. Non dà quel quid in più alla squadra e sbaglia tutte le giocate possibili)

Rastelli 5: Rispetto alle precedenti uscite, anche per le numerose assenze, decide di mantenere una formazione più equilibrata, pagando in fase offensiva dove il Cagliari non riesce mai a rendersi pericoloso. Decide di rischiare la coppia offensiva Farias-Giannetti (entrambi alla prima da titolare in questa stagione) in una gara importante contro una diretta concorrente per la salvezza. Osa poco con i cambi nella ripresa, nonostante il gol di svantaggio, giocando solo gli ultimi dieci minuti con Farias trequartista dietro le due punte. Il Cagliari da trasferta, nonostante questa volta abbia preso solo un gol, continua a non funzionare.

Articolo precedente
rastelliRastelli a Sky: «Unico rammarico il risultato, le troppe assenze ci mettono in difficoltà»
Prossimo articolo
Chievo-Cagliari, Gobbi: «Vittoria importante per scacciare la crisi»