Cerri, Sau e Farias: ora tocca a voi

cerri cagliari
© foto Elena Accardi per CagliariNews24.com

Senza Leonardo Pavoletti, il peso dell’attacco del Cagliari ricade tutto su Diego Farias, Alberto Cerri e Marco Sau, tutti in gol nelle ultime 3 partite

La brutta notizia è che l’attacco del Cagliari perde pezzi: dopo Castro, si è fermato anche Leonardo Pavoletti. La buona notizia, invece, è che nel giro di una settimana si sono sbloccati gli altri tre. A Frosinone è andato in gol Diego Farias, contro il Chievo in Coppa Italia Alberto Cerri e alla Sardegna Arena contro la Roma Marco Sau, al 95′ per completare una rimonta che resterà negli annali rossoblù. Domenica ci sarà la prova del 9, nel senso di prima punta, contro il Napoli. Sì, perché a sostenere l’attacco del Cagliari non potrà esserci Pavoloso, fermato da un’elongazione dei flessori della coscia sinistra. I tempi di recupero per il capocannoniere di Maran sono ancora da definire, ma nel frattempo il tecnico deve fare affidamento sugli altri attaccanti in rosa, cambiando nuovamente formazione.

CERRI – Per caratteristiche fisiche Alberto Cerri è il principale indiziato a sostituire il centravanti livornese. Il gioco con lui in campo però è molto diverso e lo si è visto anche contro la Roma. Nonostante abbia qualche centimetro in più, di testa non è forte e pericoloso come il numero 30. Ma con i piedi fraseggia molto meglio con i compagni di reparto, tant’è che alcuni scambi al limite dell’area contro la Roma hanno prodotto diverse occasioni non sfruttate. Il gol segnato contro il Chievo può aiutarlo anche sul piano della fiducia, ora che da riserva è diventato improvvisamente titolare per l’infortunio del suo alter ego.

FARIAS E SAU – Se Cerri ha trovato un gol importante in Coppa Italia, Diego Farias e Marco Sau ne hanno segnati due altrettanto pesanti per loro e per il Cagliari. Il brasiliano si è sbloccato dopo quasi un anno, evitando la sconfitta col Frosinone. Pattolino, a secco da febbraio, ha invece firmato l’impresa in 9 contro 11 sulla Roma. I due si candidano per una maglia da titolare accanto al numero 9 (difficilmente Maran proporrà la coppia dei piccoletti), entrambi forti della ritrovata vena realizzativa.

JOAO PEDRO – Occhio a Joao Pedro. Assenze alla mano dovrebbe essere confermato sulla trequarti, ma il recupero di Ionita e il contemporaneo ritorno dalla squalifica di Barella permettono al Cagliari di schierare il 10 in posizione più avanzata. Potrebbe però prevalere l’idea di capire se le reti di Farias e Sau sono semplici fuochi di paglia o sono davvero tornati, fermo restando che Maran fa le sue valutazioni dando peso anche ad altre questioni, tecniche, tattiche, fisiche, atletiche, senza dare al gol tutta questa importanza. «Sarebbe ingiusto dire che Farias ha guadagnato punti segnando», aveva dichiarato alla vigilia della partita contro la Roma, salvo poi proporlo titolare. La cosa certa è che senza Pavoletti per chissà quanto (nel mirino c’è la gara da ex contro il Genoa), il peso dell’attacco ora ricade tutto su Cerri, Sau, Farias e Joao Pedro.

Articolo precedente
ionita cagliariCagliari al lavoro in vista del Napoli, Ionita di nuovo in gruppo
Prossimo articolo
Primavera, domenica c’è la Roma. Confronto col Bologna per U16 e U15