Ceppitelli: «Col nuovo modulo possiamo sfruttare la corsa degli esterni»

ceppitelli cagliari
© foto CagliariNews24.com

Mentre il Cagliari prepara la sfida all’Udinese, parla Luca Ceppitelli: le considerazioni del centrale su modulo, compagni e guida tecnica

Archiviata la sgambata infrasettimanale contro i ragazzi dell’Under 17, il Cagliari guarda alla partita di domenica quando farà visita all’Udinese. A tre giorni dal match è Luca Ceppitelli a parlare ai microfoni di Radiolina. Il centrale ha raccontato il suo punto di vista sulla svolta tattica dei rossoblù: «In carriera ho giocato più spesso a quattro, ma mi adatto bene anche alla difesa a tre. Con questo sistema i due centrali che giocano ai lati devono aggredire di più, mentre chi sta in mezzo come me ha il compito di leggere l’azione, coordinare e rimediare a eventuali sbavature. Ora senza terzini bassi possiamo sfruttare la corsa di giocatori come Faragò e Padoin. Lopez ha tanto da insegnare a noi difensori, per lui parlano la sua esperienza e la sua grinta. Van der Wiel? Lo vedo in crescita, non è facile per lui che non parla italiano ma si sta integrando e sono certo che ci darà il suo contributo».

Non mancano le riflessioni sulla disgraziata annata zemaniana e su Rastelli, esonerato poche settimane fa: «Il mio primo anno in Serie A non è stato facile, sappiamo tutti come è finita. All’inizio giocavamo anche bene, poi i risultati non arrivavano e la situazione si è evoluta in modo negativo fino alla retrocessione. Rastelli? non credo che si sia rotto nulla con lui, purtroppo quando non arrivano i risultati è sempre l’allenatore a pagare ed è successo anche a lui pur dopo due anni di successi. Sono cose che nel calcio succedono, guardiamo avanti».