Ceppitelli: «Possiamo chiudere il discorso salvezza nelle prossime partite» – VIDEO

whoscored
© foto CagliariNews24.com

Il difensore del Cagliari Luca Ceppitelli ha parlato a margine dell’evento “Fuoriclasse ai fornelli” al Wine Bar Cagliari 1920 dell’aeroporto di Elmas

Luca Ceppitelli, Paolo Faragò e Leonardo Pavoletti sono i “Fuoriclasse ai fornelli” del Cagliari. Questo il nome dell’iniziativa showcooking con lo chef Roberto Valbuzzi in corso al Wine Bar Cagliari 1920 dell’aeroporto di Elmas, con i tre giocatori rossoblù a rappresentare il club. A margine dell’evento ha parlato Luca Ceppitelli.

LE DICHIARAZIONI – «Contro il Torino serve il giusto atteggiamento – ha dichiarato il difensore rossbolù – Non dobbiamo guardare in casa degli altri, ma a casa nostra e al nostro lavoro quotidiano. Loro verranno qui agguerriti perché hanno bisogno di riscatto. A noi i punti in casa servono come il pane. È un momento troppo importante per la stagione per affrontarlo in modo sbagliata. L’attenzione ci dev’essere sempre in tutti i 90′ e nel recupero. A volte come con la Lazio gli episodi possono andare contro in maniera sfortunata. Non bisogna però mai mollare un centimetro. Le partite vanno affrontate sempre fino all’ultimo secondo. Giocare con giocatori importanti come Bruno Alves e Castan è stato un piacere ed è sicuramente un valore aggiunto, sia per me sia per la squadra. La miglior qualità di Castan? Mi ha colpito il grande carattere e il vigore che mette in campo, lotta su ogni pallone. La vittoria col Benevento ci ha dato la giusta carica ma la sosta può essere sempre utile per ricaricare le pile e preparare la partita nel miglior modo possibile. Ora verranno un bel filotto di gare. Possiamo chiudere il discorso salvezza, ma non sarà scontato. Ci può dare un grande slancio per affrontare le ultime partite nel miglior modo possibile».

Video, immagini e dichiarazioni raccolte dal nostro inviato Sergio Cadeddu

La fotogallery di “Fuoriclasse ai fornelli”

 

 

 

Articolo precedente
Faragò: «Il Cagliari è la squadra che mi ha voluto di più, la maglia rossoblù la sento mia»
Prossimo articolo
Lopez: «Barella ce lo teniamo stretto. Crescerà ancora con noi»