Cagliari, Defrel: un amore destinato a non sbocciare

defrel
© foto www.imagephotoagency.it

Il Cagliari non trova l’accordo con la Roma per Defrel, si guarda verso nuovi orizzonti, in pole Giovanni Simeone

Gregoire Defrel. Questo era il nome di quella che poteva essere la famigerata ciliegina da porre in altro alla torta rossoblu. Una storia iniziata sul finire di luglio è proprio quando sembrava arrivata ad una conclusione ha subito una brusca frenata, arenandosi in una situazione dalla quale non si è più riusciti ad uscire. L’accordo era stato raggiunto con la Roma sulla base di 13 milioni, nei quali erano compresi un milione per il prestito e 12 per il riscatto e il definitivo passaggio di proprietà. Molteplici i fattori che hanno contribuito alla fumata nera della trattativa, uno su tutti il fattore Nandez. Visto l’esborso economico del club per assicurarsi le prestazione de “El Leòn”, la società di via Mameli è stata costretta a cambiare strategia, tentando di arrivare al calciatore con la formula del prestito secco (o al massimo con un diritto di riscatto, ndr) senza acquisirne la proprietà, come spiegato dal presidente Giulini in occasione della conferenza di presentazione di Nainggolan, manovra che avrebbe permesso al Cagliari di ottenere il calciatore senza sostenere l’ennesimo gravoso impegno economico. D’altro canto il club giallorosso non si è trovato in accordo riguardo le modalità di pagamento, preferendo cedere la sua seconda punta con un obbligo di riscatto, richiesta che ha trovato pieno soddisfacimento nell’offerta della Sampdoria, squadra che con ogni probabilità accoglierà l’attaccante francese.

Scartata l’opzione Defrel, vista la trattativa con la Sampdoria che pare destinata a concludersi sulla base di 15 milioni, il Cagliari rimane comunque alla ricerca di una seconda punta. Altro nome che con ogni probabilità non si accaserà nel capoluogo sardo è quello di Ounas, calciatore in forza al Napoli destinato a vestire la maglia del Nizza. Le possibilità del Cagliari rimangono sostanzialmente due: Musa Barrow dell’Atalanta e Giovanni Simeone della Fiorentina, con il secondo in netto vantaggio sul primo che, seppur rientri tra i nomi seguiti dal Cagliari, pare più vicino all’Hellas Verona.

Andrea Zedda