Nainggolan: «Ho già lottato una volta qui, sono pronto a rifarlo» – FOTOGALLERY

© foto Elena Accardi per CagliariNews24.com

La conferenza stampa di Radja Nainggolan alla Sardegna Arena: il centrocampista belga è tornato ad essere un giocatore del Cagliari

Arrivo a Elmas, visite mediche, firma, ufficialità e presentazione. Tutto in pochi giorni per Radja Nainggolan, che ritorna a vestire la maglia del Cagliari. Il centrocampista belga, arrivato in prestito dall’Inter, ha voluto fortemente la destinazione Sardegna, nonostante ci fossero altre offerte per lui. La sua volontà è stata fondamentale. Il Ninja verrà presentato in conferenza stampa alla Sardegna Arena alle 19.15 insieme al presidente Tommaso Giulini. Al termine dell’incontro con i media, Nainggolan incontrerà i tifosi per una sessione di foto e autografi nelle tribune dello stadio. Segui con noi la diretta.

CAGLIARINEWS24 È ANCHE SU INSTAGRAM: SEGUICI!

Dopo oltre un’ora di ritardo rispetto al previsto, inizia la conferenza di Radja Nainggolan e Tommaso Giulini.

IL RITORNO – Prende la parola Nainggolan: «Ringrazio il presidente perché mi ha detto subito le cose in chiaro. Ha fatto una cosa quasi impossibile e mi ha convinto subito. Sono contento di stare qua. So com’è l’ambiente, so che c’è da lottare, ma l’ho già fatto una volta, sono pronto a rifarlo. Avevo qualche altra offerta, ma non è stato difficile scegliere. Avevo già in testa quando sono partito 5 anni fa di tornare. Non pensavo così presto. A volte bisogna fare delle scelte nella vita che non ti obbligano ma ti facilitano la scelta. Ho tanta voglia di fare bene. Perché non provare a scrivere una storia importante. Poi ci sono vicende extracalcistiche che mi hanno spinto ulteriormente. Se resto qua? Io sono in prestito. Se il presidente mi compra. Ho già parlato con Maran, il mio ruolo lo vedrete in campo. Ho fatto il mio primo allenamento oggi, ho trovato un gruppo forte».

SOGNO NINJA – Giulini: «Tre settimane fa sembrava un sogno, ma Radja è stato di parola e ha anche accettato di trasformare parte dell’ingaggio in bonus. Un regalo bellissimo che facciamo ai tifosi in questo anno particolare».

TIFOSI – Di nuovo Nainggolan: «I tifosi applaudono quando fai bene e criticano quando fai male, ci sta. L’importante è avere lo stesso obiettivo e riuscire a fare il massimo. Qui ho già rivisto facce note come Conti e Cossu, mi sento veramente a casa. Sono carico per le decisioni che ha preso l’Inter, tocca a me dimostrare che sono sbagliate e far vedere che posso dare tanto».

OBIETTIVI – Per Giulini: «Obiettivo stagionale? Pensiamo partita per partita. Radja è uno che sa farti vincere le partite, se l’Inter è in Champions è anche merito suo. Rispetto a cinque anni fa oggi lui è un punto di riferimento, gli altri lo guarderanno come un esempio e grazie a lui accresceranno il loro contributo». Risponde anche Nainggolan: «Devo pensare a guardare in alto. La piazza ha bisogno della salvezza, restiamo coi piedi per terra ma il club sta allestendo una rosa che può andare più su».

CAMPIONINainggolan non è il primo grande giocatore portato al Cagliari da Giulini, ma il primo al pieno della carriera: «Negli ultimi anni sono arrivati giocatori di altissimo profilo ma un po’ avanti con l’età, Radja invece è nel pieno. Poi a fine anno vedremo quale sarà il suo futuro».

BARELLA E 4Nainggolan da Barella al numero di maglia: «Ho conosciuto Barella qui quando era un ragazzino. All’Inter l’ho visto brevemente, gli ho dato qualche consiglio. Può crescere e ambire a cose importantissime. La maglia numero 4? Certo che la prendo, è stata una delle prime cose che ho detto al presidente nella chiacchierata che ci ha portato a trovare l’accordo. Mi ha convinto in fretta».

INTER«Ogni anno nel calcio si parla di me, Dybala e altri che non sono mai sicuri. Io prendo atto, dopo l’obiettivo Champions l’Inter ha fatto altre scelte ma io sono contento di essere qui. Il sogno di ogni calciatore è la Champions, io l’ho provata ma poi ho fatto una scelta. Diranno che è un passo indietro, ma è una scelta di vita e ne sono contento. Sono carico, chissà dove possiamo arrivare».

CAPITANOGiulini svela il ruolo di Nainggolan nel Cagliari 19/20: «Il capitano del Cagliari è Luca Ceppitelli. Radja avrà un ruolo cruciale e sarà vicecapitano».

GIUDICATE VOI«Io penso al campo e a dare il massimo, poi sta agli altri giudicare. A volte sei il migliore in campo, a volte dai un contributo meno visibile», risponde ancora il Ninja.

MERCATOGiulini parla anche delle altre mosse di mercato del Cagliari: «Il Boca ha preso tempo fino al ritorno della Libertadores, poi abbiamo accelerato. Questo weekend le parti si sono avvicinate, è un investimento che potrebbe diventare realtà in pochi giorni. Se arriva Nandez non prendiamo altri a titolo definitivo, valutiamo dei prestiti per terzino sinistro e seconda punta. Per me era molto importante costruire un centrocampo ancora più forte e ci siamo riusciti. Per le altre decisioni Carli lavora ogni giorno. Abbiamo sette attaccanti in organico, ci saranno delle uscite e poi se arriva il prestito di una buona seconda punta ben venga. Uscite importanti? Abbiamo tanti giocatori fondamentali. Ionita, Cigarini e Castro? Li ritengo fondamentali, non mi aspetto assolutamente novità».

La fotogallery della conferenza stampa