Cagliari, senza Padoin è (ancora) emergenza a centrocampo

© foto www.imagephotoagency.it

Ne torna uno e se ne fanno male due. Sembra non finire la maledizione infortuni del Cagliari in questa stagione. L’ultimo infortunato in ordine cronologico è Simone Padoin, uscito anzitempo contro il Palermo a causa di un risentimento al flessore della coscia destra. Gli accertamenti svolti ieri non hanno riscontrato lesioni organiche, ma il centrocampista rossoblù continua a non allenarsi con i compagni.

Il “Talismano” sarà costretto a saltare con ogni probabilità la trasferta di sabato contro il Torino, in programma alle 18 in Piemonte, aggiungendosi alla già folta lista degli indisponibili. E contro i granata Rastelli sarà ancora costretto a ridisegnare il centrocampo. Con Isla tornato a fare il terzino destro, visto l’infortunio di Nicola Murru, resta uno slot libero nel ruolo di mezzala sinistra. Daniele Dessena, fresco di doppietta al ritorno da titolare dopo undici mesi dal terribile infortunio di Brescia, giocherà al fianco del regista Panagiotis Tachtsidis. L’ultima maglia del centrocampo se la giocheranno l’esperto Gianni Munari e il giovane Nicolò Barella.

Munari finora ha giocato meno del cagliaritano classe 1997, scendendo in campo sette volte di cui una sola da titolare, a San Siro contro l’Inter. Dall’altra parte Barella ha giocato quasi tutte le partite ed è stato schierato quattro volte dal primo minuto, ma – a parte nella disastrosa trasferta dello Juventus Stadium – sempre da trequartista. Rastelli lo considera un jolly del reparto e anche contro il Palermo è stato buttato nella mischia in un momento delicato, subentrando al posto di Di Gennaro a sette minuti dalla fine.

Improbabili, invece, le strade che porterebbero ad un arretramento di Di Gennaro sulla linea dei centrocampisti (per lasciar spazio magari al rientrante Farias sulla trequarti) o un nuovo spostamento di Isla, che Rastelli ha sempre considerato un terzino e continuerà a farlo giocare lì, soprattutto dopo l’ottima prova di lunedì. Sfogliata la margherita, restano quindi solo due nomi: Munari Barella?

Articolo precedente
Verso Torino-Cagliari: la partita speciale di Tachtsidis, il last minute rossoblù
Prossimo articolo
Isla: «Qui con grande entusiasmo, convinto dal progetto Cagliari»