Cagliari, tra salvezza e decimo posto

cagliari
© foto www.imagephotoagency.it

Quando mancano sei giornate alla conclusione del campionato, il Cagliari va a caccia della salvezza aritmetica ma tiene d’occhio il decimo posto

A sei giornate dal termine del campionato qualche calcolo lo si inizia a fare, nonostante le parole di facciata sul pensare di gara in gara. Il Cagliari, reduce dal prezioso pareggio strappato a Torino, oggi ha un cuscinetto di sicurezza di 8 punti sull’Empoli terzultimo. Se qualche tempo fa, vista la posizione di classifica neutra, ci si chiedeva se la squadra di Maran guardasse avanti o indietro, oggi la risposta sarebbe senz’altro più semplice. I rossoblù hanno tre punti di ritardo sul decimo posto, occupato da una Fiorentina in crisi: l’ultima vittoria viola risale a due mesi fa. Ed il buono stato di salute della squadra isolana, che si è riscoperta coraggiosa anche oltre Tirreno, lascia ben presagire per il finale di campionato.

POSSIBILE AGGANCIO – Fermo restando che in casa Cagliari l’obiettivo primario resta la salvezza, i rossoblù potrebbero prendere due piccioni con una fava già sabato. In caso di vittoria sul Frosinone, Pavoletti e compagni toccherebbero quota quaranta ed ipotecherebbero la salvezza. Non solo, perchè se la Fiorentina dovesse perdere in casa della Juventus si vedrebbe agganciata proprio dalla banda rossoblù. Senza dimenticare che chiudere il torneo a pari punti con la squadra di Montella significherebbe, per via degli scontri diretti a favore, precederla.

DECIMO POSTO, COSA COMPORTA – Il decimo posto non porta qualificazioni europee nè introiti particolarmente più ingenti nelle casse delle società. L’obiettivo rientra in un progetto di crescita globale (e graduale) che darebbe i suoi frutti più gustosi solo tra qualche anno, a patto che la formazione sarda riesca a stabilizzarsi nelle parti medio-alte della classifica. Nel breve periodo, invece, permetterebbe ai rossoblù di chiudere per la prima volta nella parte sinistra della classifica dopo 10 anni, un piccolo record: l’ultimo Cagliari che chiude a sinistra in classifica era quello 2008/09, guidato da Max Allegri

CORSA A TRE – Per le squadre a metà tra la zona retrocessione e zona Europa, porsi degli obiettivi è fondamentale per non incappare in finali di stagione horror. Lo sa il Cagliari e lo sa il Sassuolo, l’altra pretendente all’ultimo posto della parte sinistra della classifica. Ecco, quindi, che la corsa al decimo posto può diventare un obiettivo stuzzicante. I neroverdi, a pari punti con la squadra di Maran, possono contare sul bilancio favorevole negli scontri diretti (2-2 alla Sardegna Arena, 3-0 al Mapei). Da stabilire, invece, quello tra neroverdi e viola: all’andata finì 3-3 ed il ritorno si giocherà tra due giornate. Sfida alla quale, per tanti motivi, il Cagliari sarà spettatore interessato.