Rossoblù in prestito: Capello in gol, Cop delude

© foto CagliariNews24.com

Il resoconto delle prestazioni dei giocatori del Cagliari in prestito tra Serie A, Serie B, Lega Pro e campionati esteri

Uno sguardo all’ultimo turno di campionato: pochi i giocatori rossoblù che si sono messi in luce nelle rispettive squadre. Dopo un buon avvio di campionato, continuano i periodi neri di alcuni giocatori, altri sono i netta ripresa.

CRAGNO – In un Benevento-Ascoli che per lunghi tratti è un assedio dei padroni di casa, il portiere di proprietà del Cagliari si mostra sempre pronto riuscendo – complice anche assetto e mentalità difensiva dell’Ascoli – a mantenere la porta inviolata.

COLOMBI – Castori gli preferisce ancora Belec: a Salerno arriva seconda panchina consecutiva per l’estremo difensore di Seriate, che fino a due settimane fa ra un punto fermo dell’11 del Carpi.

PAJAC – la nota positiva è il suo ritorno in campo dopo sei giornate di esclusione per motivi tecnici. Quella negativa è che Baroni gli concede appena 4’ nel finale.

KRAJNC – Nella sconfitta del Bentegodi contro il Chievo ennesima panchina per il difensore di Ptuj, la numero quattordici in altrettante convocazioni.

DEL FABRO – Meno brillante del solito, impreciso e falloso. Il suo Pisa perde di misura una gara che rischiava addirittura di non essere giocata per le proteste dei tifosi nerazzurri contro la società.

BALZANO – il Cesena cola a picco in quel di Novara ed il terzino classe ’86 fatica, in linea con i compagni. In difficoltà nel ribattere le offensive dei dirimpettai azzurri, impreciso nei cross.

COLOMBATTO – Anche lui in difficoltà come il resto della squadra: il Trapani, dopo la sconfitta casalinga per 1-4 contro il Frosinone, è sempre più ultimo in classifica. Dopo la brutta prova della settimana scorsa, però, ci sono stati dei miglioramenti nella prestazione del classe ’97 argentino.

FOSSATI – Dopo un avvio di campionato scintillante, il regista di Monza appare in netto calo. Nella vittoria di ieri dell’Hellas Verona contro l’Entella ha faticato fatica ad impostare le manovre degli scaligeri, vittoriosi di misura ma per lunghi tratti in difficoltà.

CAPELLO – Unico giocatore di proprietà del Cagliari sceso in campo nell’Olbia nell’ultimo turno, Capello fa tutto l’opposto di una settimana fa: costantemente in partita, svaria per tutto il fronte d’attacco e mantiene sempre impegnata la difesa dell’Arezzo. Nel successo per 2-0 del Nespoli, l’attaccante classe ’95 sigla su rigore il settimo centro in campionato.

COP – L’attaccante croato è chiamato a guidare l’attacco dello Sporting Gijon nella difficile gara casalinga contro un Villareal lanciato verso l’Europa e mostratosi nettamente superiore agli asturiani. Sullo 0-2 ha l’opportunità di accorciare le distanze ma divora un gol a porta sguarnita su un bel cross di Burgui, delude nel resto della gara.

IBARBO – Situazione confusa in casa Panathinaikos: dopo le dimissioni di Stramaccioni anche alcuni giocatori sarebbero sul piede di partenza. Tra questi Victor Ibarbo, neanche convocato per la gara contro l’AE Larisa.

Articolo precedente
sassuoloSassuolo, Di Francesco verso il cambio di modulo
Prossimo articolo
capuanoCagliari-Sassuolo, chance per Capuano