Cagliari 2018/19, la formazione tipo

maran cagliari serie a
© foto CagliariNews24.com

Cagliari 2018/19, la formazione tipo ad oggi. Come cambia la squadra con il tecnico Maran in panchina

Qualche innesto mirato ed una mentalità spavalda per non ripetere il campionato tribolato della passata stagione. Oltre alle conferme degli elementi di spessore già presenti in organico, il calciomercato estivo del Cagliari è stato caratterizzato dagli arrivi di Darijo Srna, Lucas Castro, Alberto Cerri, Filip Bradaric e Ragnar Klavan. Andiamo a vedere la situazione del Cagliari e la sua probabile formazione tipo ad oggi.

Rosa Cagliari 2018/19, focus sui reparti

PORTIERI – L’arrivo in panchina di Rolando Maran non cambia le gerarchie della passata stagione. Alessio Cragno sarà ancora il titolare, forte di quanto dimostrato nello scorso campionato e di un’età che lascia ulteriori margini di miglioramento. Alle sue spalle, pronto a subentrare, ci sarà ancora Rafael: il trentaseienne brasiliano ricoprirà il ruolo di secondo. Cambia il terzo portiere: dall’Olbia è arrivato Simone Aresti. Il portiere di Narcao torna a vestire il rossoblù undici anni dopo, parte da ultimo nella gerarchia degli estremi difensori di Maran.

DIFENSORI – Maran riparte dal 4-3-1-2, questo il punto di riferimento delle prima battute di ritiro. A destra si giocheranno il posto Faragò e Srna, con il croato in vantaggio per esperienza e carisma. Al centro della difesa Ceppitelli è intoccabile, ma al momento out per infortunio. Ci si affida dunque all’ultimo arrivato Klavan per affiancare Romagna. A sinistra pronta la staffetta Lykogiannis-Pajac, con il jolly Padoin terzo incomodo che potrebbe già aver scalzato il greco nell’undici titolare. Più indietro nelle gerarchie ci sono Pisacane ed Andreolli.

CENTROCAMPISTI – Quello mediano è stato il reparto più chiacchierato della prima fase del calciomercato del Cagliari. La squadra sarda riparte da Barella. In cabina di regia Bradaric insidia il posto di Cigarini. L’altra mezzala sarà Castro, fedelissimo di Maran pronto a dare fantasia e inserimenti al centrocampo isolano. Restano fuori dalla lista dei probabili titolari Ionita e Padoin, due pedine importanti dello scacchiere rossoblù, pronti ad entrare eventualmente dalla panchina insieme a capitan Dessena. Considerazione a parte per Joao Pedro: il numero 10, ad oggi, è l’unico trequartista in rosa. Il brasiliano potrà tornare sui campi a partire dalla quarta giornata di campionato, il 16 settembre: fino ad allora i maggior indiziati per il ruolo di trequartista sono Ionita e Barella. A gara in corso è stato utilizzato anche Sau.

ATTACCANTI – Nel modulo di riferimento ci sono due soli posti per gli attaccanti. Rolando Maran studia le soluzioni per il suo Cagliari. Sottinteso che Pavoletti è quasi un intoccabile, resta da definire il suo partner d’attacco. L’esborso economico per riportare Cerri in Sardegna aveva fatto pensare ad una possibile coppia di peso, ma le caratteristiche del classe ’96 (troppo simili a quelle del livornese) per il momento lo relegano in panchina. Nelle prime uscite stagionali nel ruolo di seconda punta si sono alternati Farias e Sau.

Cagliari, la formazione tipo ad oggi

Maran riparte dal 4-3-1-2 già utilizzato al Chievo, ma è tutt’altro che da escludere l’utilizzo di moduli diversi. Precampionato alle spalle, qualche volto nuovo in squadra. Soprattutto in panchina: con Maran il Cagliari ha già una sua identità, che andrà forgiata nel tempo. Nel nuovo Cagliariè caratteristico il movimento del regista, che arretra fino alla linea dei difensori per iniziare l’azione. Il tecnico trentino chiede ai suoi maggiore verticalità nella manovra, Pavoletti in questo appare fondamentale: la sponda dell’attaccante di peso dà il via all’azione dei sardi, che poi allargano il gioco sulle fasce o cercano immediatamente la profondità servendo la seconda punta. Questa la probabile formazione tipo, ad oggi, del Cagliari edizione 2018/19 (in corsivo i nuovi elementi):

CAGLIARI (4-3-1-2): Cragno; Srna, Romagna (Ceppitelli), Klavan, Padoin; Castro, Bradaric, Barella; Ionita (Joao Pedro); Farias, Pavoletti.

Articolo precedente
Borriello riparte dalla terza serie spagnola: giocherà con l’UD Ibiza
Prossimo articolo
Atalanta, prima del Cagliari c’è il Copenaghen