Cagliari 2018/19, la probabile formazione

maran cagliari
© foto CagliariNews24.com

Cagliari 2018/19, la probabile formazione ad oggi. Come cambia la squadra del neo tecnico Maran con i movimenti di calciomercato e quali sono le gerarchie in campo

Il Cagliari si prepara ad affrontare la stagione 2018/19 (qui la rosa a disposizione di Maran). Srna, Castro, Cerri e Bradaric gli innesti messi a disposizione di Rolando Maran nel corso del calciomercato. Andiamo a vedere la situazione del Cagliari e la sua probabile formazione ad oggi.

Rosa Cagliari 2018/19, focus sui reparti

PORTIERI – L’arrivo in panchina di Rolando Maran non cambia le gerarchie della passata stagione. Alessio Cragno sarà ancora il titolare, forte di quanto dimostrato nello scorso campionato e di un’età che lascia ulteriori margini di miglioramento. Alle sue spalle, pronto a subentrare, ci sarà ancora Rafael: il trentaseienne brasiliano ricoprirà il ruolo di secondo. Cambia il terzo portiere: dall’Olbia è arrivato Simone Aresti. Il portiere di Narcao torna a vestire il rossoblù undici anni dopo, parte da ultimo nella gerarchia degli estremi difensori di Maran.

DIFENSORI – Maran riparte dal 4-3-1-2, questo il punto di riferimento delle prima battute di ritiro. A destra si giocheranno il posto Faragò e Srna, con il croato in vantaggio per esperienza e carisma. Al centro della difesa Ceppitelli è intoccabile, a lui si affiancherà Romagna. A sinistra pronta la staffetta Lykogiannis-Pajac, con il greco in vantaggio. Indubbia la necessità di un altro centrale affidabile, possibilmente mancino. Più indietro nelle gerarchie ci sono Pisacane, ad oggi prima riserva, ed Andreolli. Il centrale di Ponte dell’Olio potrebbe però lasciare la Sardegna, così come Capuano. La cessione di uno dei due centrali è legata all’ingresso in organico di un pari ruolo: finora le attenzioni sono state rivolte prevalentemente a Kannemann del Gremio e Tonelli del Napoli, ma le difficoltà incontrate lungo le trattative potrebbero portare i sardi ad optare per una soluzione last minute.

CENTROCAMPISTI – Quello mediano è il reparto più chiacchierato della prima fase del calciomercato del Cagliari. Si riparte da Barella, che resterà in Sardegna per almeno un altro anno. La regia è affidata a Cigarini, che dopo un avvio di luglio caratterizzato da parecchi spifferi di mercato resterà in Sardegna. L’altra mezzala sarà Lucas Castro, fedelissimo di Maran pronto a dare fantasia e inserimenti al centrocampo isolano. Restano fuori dalla lista dei probabili titolari Ionita e Padoin, due pedine importanti dello scacchiere rossoblù (soprattutto se il moldavo dovesse tornare quello di Verona, solo intravisto a Cagliari). Minori le garanzie date da Deiola e Dessena, che partono in ogni caso ai margini dell’11 ideale, così come Santiago Colombatto, di ritorno da due stagioni a buoni livelli in Serie B ma con le valigie in mano dopo l’arrivo dal Rijeka di Bradaric. Considerazione a parte per Joao Pedro: il numero 10, ad oggi, è l’unico trequartista in rosa. Il brasiliano potrà tornare sui campi a partire dalla terza giornata di campionato: fino ad allora i maggior indiziati per il ruolo di trequartista sono Ionita e Barella.

ATTACCANTI – Nel modulo di riferimento ci sono due soli posti per il ruolo di attaccante, Rolando Maran studia le soluzioni per il suo Cagliari. Sottinteso che Pavoletti è quasi un intoccabile, resta da definire il suo partner d’attacco. L’esborso economico per riportare Cerri in Sardegna aveva fatto pensare ad una possibile coppia di peso con Pavoletti, ma il classe ’96 ha mostrato una condizione fisica precaria che, di fatto, per il momento lo relega in panchina. Nelle ultime uscite è stato Farias ad affiancare il panzer livornese, mentre parte più indietro Marco Sau. Chance evidentemente non sfruttate a dovere da Han: il nordcoreano, che ha svolto l’intero ritiro agli ordini di Maran, è tornato in prestito al Perugia dove avrà modo di maturare.

Cagliari, la probabile formazione ad oggi

Maran riparte dal 4-3-1-2 già utilizzato al Chievo, ma è tutt’altro che da escludere l’utilizzo di moduli diversi. Precampionato alle spalle, qualche volto nuovo in squadra. Soprattutto in panchina: con Maran il Cagliari ha già una sua identità, che andrà forgiata nel tempo. Nel nuovo Cagliari spicca l’attitudine al giro palla sin dalla linea arretrata: difficilmente la sfera viene allontanata in caso di pressing avversario. Caratteristico il movimento del regista, che arretra fino alla linea dei difensori per iniziare la manovra. Il tecnico trentino chiede ai suoi maggiore verticalità nella manovra, Pavoletti in questo appare fondamentale: la sponda dell’attaccante di peso dà il via all’azione dei sardi, che poi allargano il gioco sulle fasce o cercano immediatamente la profondità servendo la seconda punta. Automatismi già visti nelle prime uscite estive e riproposti con maggiore sincronia e frequenza anche quando il livello degli sparring partners è aumentato. Questa la probabile formazione, ad oggi, del Cagliari edizione 2018/19 (in corsivo i nuovi elementi):

CAGLIARI (4-3-1-2): Cragno; Srna, Romagna, Ceppitelli, Lykogiannis; Castro, Cigarini, Barella; Joao Pedro; Farias, Pavoletti.

Articolo precedente
Calciomercato Cagliari, ultimi giorni per scremare la rosa
Prossimo articolo
cagliariCampagna abbonamenti Cagliari 2018/19: prezzi e info