Rossoblù in prestito: bene Del Fabro, Cop ai margini

© foto cagliarinews24.com

Le prestazioni dei rossoblù in prestito tra Serie B, Lega Pro ed estero nell’ultimo turno

Il Cagliari tiene un occhio sul campionato di Serie A e l’altro sui tanti giovani in prestito. Continua l’ottima stagione di Del Fabro all’ombra della Torre, Krajnc e Colombatto si confermano su buoni livelli. Prosegue la parabola discendente di Cop.

CRAGNO – Il derby campano tra il suo Benevento e la Salernitana si conclude 1-1. Il portiere classe ’94 si arrende al tiro di Coda su calcio di rigore e nella ripresa evita lo 0-2 con un grande volo sul destro a giro angolato di Sprocati.

COLOMBI – Dopo ver messo in fila presenze e buone prestazioni nella prima parte di campionato, il portiere lombardo si vede costretto al ruolo di dodicesimo alle spalle di Belec, decisivo anche nell’ultima gara vinta contro lo Spezia.

KRAJNC – Il suo Frosinone, bloccato sull’1-1 in casa dal Cittadella, manca la fuga ma mantiene il primo posto in classifica. Ancora una prestazione solida del centrale di Ptuj, giunto all’ottava presenza da titolare con la maglia dei ciociari.

DEL FABRO – Dopo aver fermato Frosinone e Carpi nelle ultime settimane, il Pisa di Gattuso pareggia anche contro la vice capolista SPAL. Il punto di forza dei toscani è la difesa, la migliore del torneo con appena 18 reti incassate. E punto di forza del reparto arretrato è il giovane difensore algherese, autore dell’ennesima convincente prova in stagione.

BALZANO – Salta la seconda gara consecutiva per un’elongazione al gemello mediale destro: il terzino classe ’86 si sta sottoponendo a terapie per tornare a disposizione di Camplone.

COLOMBATTO – Un primo tempo di grande qualità ed una ripresa meno brillante per il centrocampista argentino classe ’97, che contro il Latina comunque ha certificato il suo buon momento di forma.

FOSSATI – Rileva il match winner Zaccagni al 66’ della ripresa, quando il risultato è sullo 0-1 per l’Hellas Verona: scelta rivelatasi utile per gestire con maggiore lucidità il ritmo della gara.

PAJAC –Ancora una panchina per il centrocampista croato, che nelle ultime settimane aveva avuto più tante chance, anche dal primo minuto, ma non è riuscito Baroni.

COP – Le ultime opache prestazioni lo hanno fatto scivolare ai margini della squadra titolare. Nelle ultime uscite dello Sporting Gijon, Duje Cop si è dovuto accontentare dei minuti finali di gara nel disperato tentativo del tecnico Rubi Ferrer Sicilia di rimettere i match sui giusti binari.

GIANNETTI – Assente anche nella sconfitta di Carpi, l’attaccante senese sta continuando il suo percorso di recupero dall’infortunio che gli ha impedito di esordire in stagione con la maglia dello Spezia.

CARBONI – Ennesima panchina per il giovane portiere, che a gennaio ha fatto ritorno al Cagliari dopo il prestito all’Olbia ed è stato rispedito in Lega Pro al Lumezzane, squadra di cui è attualmente il dodicesimo.

MONTAPERTO – Stesso percorso di Carboni: a gennaio è passato dall’Olbia al Cagliari, poi il nuovo prestito in Lega Pro al Sud Tirol. Ma anche per il portiere lombardo la nuova avventura non sta decollando: ennesima panchina nell’ultima partita, persa in casa per 5-2 contro la Sambenedettese.

PINNA – In occasione dell’ultima gara il difensore classe ’97 era subentrato nella ripresa non riuscendo a smuovere il match. Sabato contro la Cremonese il tecnico Mignani – esonerato due giorni fa per la sesta sconfitta consecutiva – gli ha preferito Pisano.

CAPELLO – Le ultime deludenti uscite pesano sulle scelte di Mignani, che lo esclude dai titolari e non lo lancia nella mischia neanche a gara in corso.