Connettiti con noi

Pagelle

Cagliari-Napoli, le pagelle: Pereiro inesistente, Lykogiannis ingenuo

Pubblicato

su

Disfatta alla Sardegna Arena per il Cagliari: il Napoli strapazza i rossoblù e vince per 4-1. Le pagelle del match

Il 2021 del Cagliari si apre nel peggiore dei modi, alla Sardegna Arena i rossoblù vengono strapazzati dai colpi del Napoli e cadono rovinosamente per 4-1. La rete della bandiera, e del momentaneo pareggio durato 2 minuti, è del solito Joao Pedro. I partenopei si impongono grazie alla doppietta di un super Zielinski e le reti di Lozano Insigne su calcio di rigore. Ecco le pagelle del match.

CAGLIARI (4-2-3-1): Cragno 6; Zappa 4.5, Walukiewicz 5.5, Ceppitelli 5, Lykogiannis 5; Nandez 6, Marin 4.5; Pereiro 4 (56′ Tramoni 5.5), Joao Pedro 6 (83′ Caligara 4), Sottil 5 (68′ Tripaldelli 5.5); Simeone 4.5 (83′ Pavoletti S.V).
A disposizione: Vicario; Boccia, Pinna, Pisacane; Oliva; Cerri, Contini.
Allenatore:
Eusebio Di Francesco 4.

NAPOLI (4-2-3-1): Ospina 6; Di Lorenzo 6, Maksimovic 6.5, Manolas 6.5 (85′ Rrahmani S.V), Mario Rui 6.5 (85′ Lobotka S.V); Bakayoko 7 (85′ Ghoulam S.V), Fabian 7; Lozano 7, Zielinski 8 (77′ Elmas 6), Insigne 7.5; Petagna 6.5 (77′ Politano 6).
A disposizione:
Meret, Contini, Hysaj, Demme, Llorente, Cioffi.
Allenatore: Rino Gattuso 8.

Le pagelle motivate dei rossoblù

CRAGNO 6 – Subisce 4 goal è vero, ma ne salva altrettanti se non di più. Risulta incolpevole in tutte e quattro le marcature del Napoli e si fa trovare attento su le innumerevoli conclusioni che giungono dalle sue parti. Perfetto nelle uscite e miracoloso su Lozano nel secondo tempo. Fa tutto ciò che può, ma lasciato da solo cade anche lui.

ZAPPA 4.5 – Giornata da dimenticare per il terzino rossoblù. In 90 minuti non ferma mai Insigne che lo punta sempre facendolo ammattire e saltandolo sistematicamente. Non bastasse anche Mario Rui spinge con insistenza creando sempre la superiorità numerica nella sua zona. In fase offensiva la fascia destra è un biliardo, non calca mai la metà campo avversaria.

WALUKIEWICZ 5.5 – Il centrale polacco non ha colpe sui goal del Napoli ma insieme al compagno di reparto Ceppitelli sbaglia completamente il posizionamento della difesa. I due sono sempre troppo bassi praticamente a ridosso di Cragno portando l’avversario a calciare con insistenza dal limite dell’area. Il mezzo punto se lo guadagna per il coraggio di provare sporadicamente a impostare l’azione da dietro e uscire palla al piede.

CEPPITELLI 5 – Stesso discorso fatto per il compagno, dovrebbe essere lui a far salire la difesa e invece la porta sempre più bassa. Sul goal di Lozano si accartoccia in area in maniera inspiegabile offrendosi come sponda per la palla che carambola in rete. Nel secondo tempo molla la presa e commette una serie di errori individuali sulle uscite.

LYKOGIANNIS 5 – La partita del greco, finché è durata, non è stata personalmente negativa. Nel primo tempo riesce ad arginare bene il suo diretto avversario Lozano e farsi trovare pronto nelle diagonali. La sua prova viene macchiata nel secondo tempo quando commette l’enorme ingenuità di atterrare Lozano al limite dell’area, che furbescamente gli passa davanti. L’arbitro non può far altro che estrarre il secondo giallo e mandarlo sotto la doccia, lasciando il Cagliari in 10 e alla mercé degli avversari.

NANDEZ 6 – El Leon ci prova, fa quello che può nonostante il ruolo da mediano non valorizzi le sue doti. Corre tantissimo nel primo tempo, cercando di tamponare le azioni del Napoli recuperando un buon numero di palloni. Ma anche uno come lui, da solo, non può vincere la battaglia e nel secondo tempo complice la stanchezza e il risultato stacca la presa.

MARIN 4.5 – Il centrocampista rumeno non incide mai nella gara. Il suo apporto non arriva ne in fase difensiva ne in fase offensiva. Lascia a Nandez il compito di correre in lungo e in largo per il campo e non gioca mai un pallone in verticale per macinare gioco. I passi avanti fatti nelle precedenti partite sono stati bruciati.

PEREIRO 4 – La prima da titolare di Gaston Pereiro non è per niente positiva, i tifosi sperano sia anche l’ultima. L’uruguagio schierato a destra nella batteria di trequartisti sembra essere un pesce fuor d’acqua. Tocca pochissimi palloni, solo uno buono in cui trova Joao Pedro in area, poi il buio. Lento, impacciato e con scarsissime idee non incide mai nelle poche sortite offensive del Cagliari e non aiuta mai Zappa sulle discese di Mario Rui. (57′ TRAMONI 5.5 – Il giovane corso entra nel momento in cui il Cagliari inizia a crollare, si batte e corre recuperando qualche pallone, ma non incide a sufficienza sull’esito della gara).

JOAO PEDRO 6 – Partita poco brillante anche per il brasiliano, che si salva solo per il goal del momentaneo pareggio. Nella prima frazione di gioco prova qualche timidissima giocata e si procura un po’ di punizioni utili a far rifiatare i suoi. Nella ripresa ha una sola chance e non la fallisce, mettendo a segno il nono goal stagionale. (84′ CALIGARA 4 – Entra in campo nel peggiore dei modi, tocca un solo pallone e lo fa con la mano regalando agli avversari il rigore del definitivo 1-4).

SOTTIL 5 – L’esterno non entra mai in gara e si vede poco nella manovra rossoblù. Nel primo tempo stenta a trovare il guizzo giusto, anche perchè in compagni lo servono raramente. Nella ripresa prova ad aumentare i giri del motore ma senza riuscirci, qualche breve apparizione nell’area del Napoli ma senza buoni esiti. (68′ TRIPALDELLI 5.5 – Entra in campo dopo l’espulsione del compagno per dare equilibro alla difesa, prova qualche timida discesa in zona offensiva ma il tutto si conclude con un nulla di fatto).

SIMEONE 4.5 – Giornata amara anche per il Cholito Simeone. Le azioni offensive del Cagliari stentano ad arrivare e lui passa minuti interminabili senza vedere e toccare palla. Nel primo tempo ha una grossa occasione sull’errore della difesa azzurra ma a porta quasi sguarnita calcia fuori. Si sbatte poco e non cerca la palla per fa salire i compagni, oltretutto non conclude mai in porta; abbiamo visto un Simeone molto più prestante in altre occasioni. (83′ PAVOLETTI S.V)

DI FRANCESCO 4 – Le risposte colpo su colpo, come detto in conferenza stampa, alle giocate del Napoli non si sono mai viste. La squadra stenta a trovare una manovra di gioco che possa impensierire l’avversario, è molto bassa e schiacciata in fase difensiva concedendo troppo al Napoli. Colpevole in parte sull’espulsione per non aver sostituito prima Lykogiannis da tempo ammonito e in difficoltà.

CAGLIARINEWS24 È ANCHE SU INSTAGRAM: SEGUICI!

Advertisement