Cagliari-Lazio, le pagelle: Pisacane e Hoedt i migliori

pisacane
© foto www.imagephotoagency.it

Le pagelle di Cagliari-Lazio, 29esimo turno del campionato di Serie A

Pareggio casalingo per il Cagliari al Sant’Elia. I rossoblù di Rastelli rallentano la corsa europea della Lazio. È il primo 0-0 del campionato per la formazione sarda.

Le pagelle del Cagliari

Rafael 6: Fa il suo quando chiamato in causa. Dà sicurezza alla linea difensiva.
Isla 6: Bene col pallone tra i piedi, meno in fase di non possesso.
Pisacane 7: Buone scelte di tempo per il classe ’86. Gioca d’anticipo su Immobile (dall’86’ Salamon SV).
Bruno Alves 6,5: Risponde sul campo all’errore di Firenze. Protagonista di tanti duelli fisici.
Murru 6,5: Felipe Anderson è un brutto cliente, il selargino però tiene botta.
Dessena SV: Fermato da un problema muscolare in avvio di partita, il capitano del Cagliari è costretto al cambio (dall’8′ Faragò 6,5: Esordio al Sant’Elia per il 24enne calabrese. Buon impatto).
Tachtsidis 6,5: Ritmi non altissimi al Sant’Elia, l’ideale per il regista greco. Nella seconda frazione di gioco dà il via a qualche azione pericolosa.
Padoin 5,5: Partita sotto ritmo per il fresco 33enne. A dieci minuti dal termine dell’incontro si divora un gol a tu per tu con Strakosha.
Ionita 6,5: Avanza il suo raggio d’azione di qualche metro, il moldavo è condizionato da un fastidio al flessore.
Joao Pedro 5,5: Nel primo tempo non si vede granché, meglio nell’ultimo quarto d’ora di partita.
Sau 5: Da solo contro de Vrij e Hoedt, corre e si sacrifica ma non punge mai (dal 66’ Farias 6,5: Il brasiliano riaccende la luce. Le sue accelerazioni mettono in difficoltà de Vrij e Hoedt).

All. Massimo Rastelli 6: Reparti stretti e grande filtro, adatta il suo credo calcistico alle necessità. Penalizzato dai forfait di Borriello e Barella – elementi chiave del suo Cagliari – e dall’infortunio di Dessena. I sardi non subiscono gol, non accadeva da cinque mesi.

Le pagelle della Lazio

Strakosha 6: Pomeriggio senza particolari apprensioni per il portiere albanese.
Basta 6: Poco lucido in fase di spinta (dall’80’ Patric SV).
De Vrij 6,5: Uscito malconcio lunedì contro il Torino, l’ex Feyenoord è protagonista di una buona prova al Sant’Elia.
Hoedt 7: Il difensore olandese – fresco di convocazione in nazionale maggiore – si conferma al centro della difesa in coppia col connazionale de Vrij. Farias lo mette in difficoltà, ma il 23enne riesce a limitare i danni.
Radu 6: Partita senza infamia e senza lode per il laterale difensivo rumeno (dal 66’ Djodjevic 5,5: Inzaghi si affida al centravanti serbo per dare più peso all’attacco della Lazio. Il 29enne però non incide).
Parolo 6: Primo tempo in chiaroscuro per il numero 16 biancoceleste. Cresce nella ripresa.
Biglia 5,5: Non è al 100% e si vede. Il regista dell’Albiceleste soffre lo schermo difensivo cagliaritano.
Lulic 6: È il jolly di Inzaghi. Copre e si inserisce senza abbassare la guardia. Con l’ingresso in campo di Djodjevic scala in difesa.
Felipe Anderson 5: Migliore in campo nella gara d’andata, oggi non riesce a incidere.
Immobile 6: Svaria su tutto il fronte offensivo, non trovando però il guizzo giusto.
Keita 6: Titolare al posto dello squalificato Milinkovic-Savic, l’attaccante senegalese è protagonista di qualche strappo degno di nota (dal 70’ Luis Alberto SV) .

All. Simone Inzaghi 6: Il terzo posto in classifica si allontana. La Lazio ha il fiato corto, la sosta arriva nel momento giusto.