Cagliari, Ceter: «Che esordio a Benevento! Il soprannome Golia…»

© foto CagliariNews24.com

Damir Ceter racconta le impressioni sui primi mesi italiani e torna con il pensiero al debutto in Italia: «Non potevo chiedere un esordio migliore»

L’arrivo da sconosciuto, il primo approccio con il calcio italiano con la maglia della Primavera. Poi le prime convocazioni e l’esordio, nell’ultimo turno, a Benevento. Damir Ceter ha tentato di dare una scrollata al Cagliari, sotto di un gol ad una manciata di minuti dalla fine. E proprio alla fine i rossoblù sono riusciti a cogliere una vittoria fondamentale per la salvezza. Grandi emozioni per l’attaccante colombiano, come ammesso ai microfoni di gianlucadimarzio.com: «La vittoria nei minuti di recupero è stata speciale. Ha un peso specifico incredibile. Speriamo che questa vittoria un po’ fortunata possa darci la carica giusta per le prossime partite. Non potevo chiedere un esordio migliore. Spero naturalmente di aumentare i minuti di gioco e di fare bene per la squadra. Come successo a Benevento voglio dare una mano quando il nostro allenatore mi chiamerà in causa. I gol arriveranno».

Arrivato nel mercato di riparazione dai colombiani del Deportes Quindio, Ceter ha tirato le somme dei primi mesi italiani: «Mi è piaciuto molto il clima partita e le tifoserie, sia quelle locali che quelle ospiti, i supporters italiani sono più rispettosi di quelli del Sud America. Qui in Italia si vivono emozioni particolari alla vigilia delle partite, che ti danno energie positive». In chiusura il motivo del soprannome GoliaE’ nato per caso, me lo mise uno spettatore che mi contestava. Golia era un guerriero, difficile da battere e alla fine mi è piaciuto. Come Golia sono alto, grosso e molto credente, il soprannome mi calza a pennello») e le ambizioni per il futuro: «Vorrei integrarmi bene con la città, l’ambiente e il gioco italiano nei prossimi due anni. Allora sapremo se posso essere un giocatore da Serie A o dove posso arrivare. Il mio sogno, come tutti, è giocare per i migliori club d’Europa. Vincere la Champions, i campionati e trovare uno spazio importante nella Selecion. Ora però sono concentrato solo sul Cagliar

Articolo precedente
Cagliari-Torino, le ultime vittorie rossoblù nel segno di Conti – VIDEO
Prossimo articolo
Torino, De Silvestri torna in gruppo