Cagliari Calcio, ma quanto corri!

© foto 25-10-2020 Cagliari-Crotone, Sardegna Arena. Foto Gianluca Zuddas/CagliariNews24.com. Nella foto: festeggiamenti del Cagliari

È un Cagliari di corridori quello di questa stagione. Rog e Nandez sono al vertice della Serie A per km percorsi. Walu sempre presente

È un Cagliari con un’identità completamente diversa quello che si è presentato in campionato quest’anno. Un reparto offensivo da cinque stelle, un centrocampo con dei veri e propri maratoneti, una retroguardia con dei limiti ma con protagonisti a cui non si può rinunciare. Questo è anche merito di Eusebio Di Francesco, della sua personalità e della sua intelligenza nel capire quali sono le potenzialità dei suoi uomini e dove questi rendono maggiormente.

MACINA CHILOMETRI – Il Cagliari corre, corre più che mai e, momentaneamente, è la quarta squadra della Serie A per la distanza percorsa ogni partita: 110,084 chilometri. Niente male per un gruppo che nella passata stagione, sia con Rolando Maran che con Walter Zenga, si era affermato come una delle peggiori squadre per la distanza media percorsa dai giocatori in ogni singola partita.

L’EVOLUZIONE FIRMATA DI FRA – Come si è detto, il merito è da ascrivere in parte a quei giocatori infaticabili, quasi indiavolati, tanto da essere soprannominati extraterrestri, come Marko Rog e Nahitan Nandez ma anche al nuovo tecnico Eusebio Di Francesco che, già dall’inizio, ha chiesto ai suoi uomini un pressing alto continuo, una ripartenza palla al piede dal basso nonché massima continuità in fase di non possesso. Per aiutare la sua squadra, per far sì che i giocatori potessero dare il meglio in campo, il tecnico pescarese ha preso consapevolezza del fatto che con il 4-3-3 non si sarebbe andati molto lontano. Il 4-2-3-1, invece, sembra essere efficace, sta dando soddisfazioni, nonostante ci sia ancora tanto da lavorare e tanto su cui migliorare. Il risultato? Il Cagliari è in evoluzione, cambia di partita in partita, mostra i suoi lati deboli così come i suoi punti di forza. Mette in bella mostra i suoi pezzi da novanta e se ne fa un vanto perché giocatori come Joao Pedro e Simeone, Nandez e Rog che si trovano al vertice della Serie A per km percorsi, fanno gola a tutti.

WALUKIEWICZ SEMPRE PRESENTE – Un altro giocatore di cui il Cagliari può ritenersi più che orgoglioso è il difensore polacco Sebastian Walukiewicz. Il classe 2000 sta facendo tanta, tantissima strada, migliora a ogni match, dimostrando che forse, l’anno scorso, sarebbe bastata un po’ più di fiducia nei suoi confronti. Per lui 630 minuti in campo, esattamente come l’estremo difensore, il re delle parate Alessio Cragno. Walukiewicz, infatti, ha sempre giocato da titolare, non ha saltato nemmeno un minuto di queste prime sette partite di campionato. El Leon Nahitan Nandez è uscito solo negli ultimi scorci della sfida di sabato contro la Sampdoria, dopo aver fatto faville in campo mentre Rog è stato sostituito solo contro il Sassuolo e Torino. Sebastian Walukiewicz è il terzo maratoneta, il terzo Speedy Gonzales dei rossoblù con 10,705 km percorsi. Il giovane difensore è una pedina fondamentale del gioco del Cagliari ma anche di quello della sua Polonia che non può più fare a meno di lui, delle sue giocate precise e raffinate.

SIAMO ANCHE SU INSTAGRAM: SEGUICI!