Cagliari-Bologna, le pagelle: prestazione mediocre alla Sardegna Arena

© foto www.imagephotoagency.it

Le pagelle di Cagliari-Bologna

Il Cagliari pareggia 0-0 in casa col Bologna. Alla Sardegna Arena la squadra di Lopez preferisce accontentarsi di un punto, nonostante il calendario e la classifica.

Le pagelle del Cagliari

Cragno 6: Il Bologna non punge. È sicuro su tutte le uscite.

Pisacane 6: Ok la fase difensiva. Sbaglia tanto quando è costretto ad impostare, ma non è nelle sue corde. (Dal 90’ Romagna sv).

Ceppitelli 6.5: Dalle sue parti non si passa. Pulito in ogni intervento.

Castan 6: Gara ordinata, senza alcun pericolo.

Faragò 6.5: Mette dentro più di un cross interessante. I compagni non ne approfittano.

Barella 5: Manca di lucidità. Sbaglia troppe scelte e passaggi. In calo.

Cigarini 5: Non gode di troppa libertà per impostare, commettendo diversi errori.

Ionita 6.5: Finalmente si rivedono sprazzi del vero moldavo. (Dall’81’ Lykogiannis 5: In dieci minuti scarsi trasforma un senza voto in un’insufficienza, sbagliando su ogni pallone che gli arriva).

Padoin 5.5: Torna giocare largo a sinistra. Dopo un buon primo tempo, cala inevitabilmente.

Sau 6: Si rende pericoloso, ma Doveri prima e Mirante poi gli negano la gioia del gol. (Dal 65’ Han 5: Tocca pochi palloni e li sbaglia tutti).

Pavoletti 4.5: La difesa del Bologna lo raddoppia su ogni lancio lungo. Non controlla nessun pallone che gli arriva. Imperdonabile l’errore a porta vuota nel primo tempo).

Lopez 4: Non è un Cagliari che lotta. Non è un Cagliari che cerca la vittoria a tutti i costi, anche se classifica e calendario lo obbligano a farlo. Preferisce non rischiare e accontentarsi del punto.

Le pagelle del Bologna

BOLOGNA (3-5-2): Mirante 6.5; Gonzalez 6, Romagnoli 6 (dal 61’ Mbaye 6), De Maio 6; Orsolini 5.5, Poli 5 (dall’87’ Krejci sv), Crisetig 5 (dal 77’ Nagy sv), Dzemaili 5.5, Masina 6; Verdi 5, Palacio 5.5. All. Roberto Donadoni 5.

Articolo precedente
Cagliari-Bologna 0-0, pagelle e tabellino
Prossimo articolo
donadoniDonadoni: «Buon punto, ma voglio un Bologna più cattivo»