Connettiti con noi

Pagelle

Cagliari-Atalanta 0-1, le pagelle: Godin titano, Zappa colpevole sul gol

Pubblicato

su

Le pagelle di Cagliari-Atalanta: i rossoblù vedono sfumare il pareggio al 90′. Muriel regala la vittoria alla Dea con un colpo da biliardo

CAGLIARI (3-4-2-1): Cragno 6; Walukiewicz 5.5 (90′ Cerri sv), Godin 7, Rugani 6.5; Zappa 5, Nandez 6, Marin 6.5 (85′ Deiola sv), Lykogiannis 6; Nainggolan 5 (79′ Duncan sv), Joao Pedro 6; Simeone 5.5 (79′ Pavoletti sv).
A disposizione: Aresti, Vicario; Tripaldelli, Calabresi, Asamoah, Carboni; Tramoni, Pereiro.
Allenatore: Di Francesco 6.

ATALANTA (3-4-1-2): Sportiello 6; Djimsiti 5.5, Romero 5.5, Palomino 6; Sutalo 6 (62′ Maelhe 6), Pessina 5.5 (46′ De Roon 6), Freuler 5.5, Gosens 6.5; Pasalic 6 (46′ Mirancuk 6); Ilicic 6 (69′ Muriel 7), D. Zapata 6.5 (85′ Malinovsky sv).
A disposizione: Rossi, Gollini, Lammers, Caldara, Kovalenko, Ruggeri.
Allenatore:
Gasperini 7.

CLICCA QUI PER CONTENUTI VIDEO ESCLUSIVI SUL CAGLIARI!

Le pagelle motivate dei rossoblù

CRAGNO 6: Subisce gol al 90′ ma, come in tutte le partite, è uno dei pilastri della squadra. Effettua diverse buone uscite e parate per salvare la sua porta. Non può nulla sulla rete di Muriel, che lo ha totalmente spiazzato.

WALUKIEWICZ 5.5: Colpevole al 50% sulla marcatura atalantina. Non è più lo stesso centrale dell’inizio di stagione, sembra assente e spesso è impreciso. Anche oggi diversi errori, uno in particolare che è costato caro a tutti i rossoblù (90′ CERRI SV).

GODIN 7: Sembra essere tornato il Diego Godin dell’Atletico Madrid. Un vero titano della linea di difesa rossoblù. In più occasioni si è fatto trovare pronto con ottime chiusure sugli avversari, sventando le incursioni orobiche.

RUGANI 6.5: Bella prestazione del neo acquisto dei sardi. Assieme a Godin, ha giocato una partita pulita e solida. Nonostante sia rientrato da un infortunio, sembra essere il più in forma tra i nuovi innesti cagliaritani.

ZAPPA 5: Se Walukiewicz ha il 50% delle colpe sul gol, l’altro 50% è suo. Lascia troppo spazio a Muriel che riesce ad infilarsi facilmente tra le fila rossoblù. Nel corso del match ha avuto un compito tutt’altro che semplice in quanto contenere Gosens non è sicuramente facile, ma ci si aspettava qualcosina in più e più precisione nei cross.

NANDEZ 6: La posizione arretrata del Leon lo ha sacrificato un po’. Tanta corsa, come in ogni gara, ma ha forse peccato leggermente in qualità. È riuscito comunque ad infastidire abbastanza gli avversari grazie a diverse incursioni.

MARIN 6.5: Bene in fase offensiva e di possesso, ma continua a trovare difficoltà nel contenere gli avversari e nello svolgere il ruolo di mediano. Si trova più a suo agio ogni qualvolta riesce ad avanzare la sua posizione. Si conferma ancora una volta uno dei migliori del centrocampo (85′ DEIOLA SV).

LYKOGIANNIS 6: Si è concentrato maggiormente sulla fase difensiva più che su quella offensiva. Svolge abbastanza bene il suo compitino senza commettere troppe sbavature. Discreta partita per il greco.

NAINGGOLAN 5: Il Ninja non riesce ad accendersi. Da quando è arrivato, sembra non sia riuscito ancora a trovare la giusta condizione fisica. Fa fatica e regala troppo spesso il pallone agli orobici. L’unica nota positiva il tentativo terminato di poco fuori (79′ DUNCAN SV).

JOAO PEDRO 6: Affamato di gol, Joao Pedro prova a rendersi pericoloso più volte, cercando di sfruttare i cross dei compagni. Non riesce ad incidere come vorrebbe ma gli va comunque riconosciuto lo spirito di sacrificio.

SIMEONE 5.5: Oltre al periodo nero dell’intera squadra, Simeone deve fare i conti con il suo periodo nero personale. A secco di reti da troppo tempo, non riesce ad essere lo stesso Cholito di inizio stagione, sprecando troppe occasioni (79′ PAVOLETTI SV).

DI FRANCESCO 6: La squadra dimostra più grinta e più aggressività nel corso del match. La preparazione che mister Di Fra ha dato ai suoi uomini comincia a saltare fuori. Vanno ancora riviste alcune cose perché, come dimostra il risultato, i punti non sono arrivati e certi errori non vanno commessi. L’unica cosa da “rimproverare” i cambi effettuati forse troppo in ritardo.