Bologna-Cagliari, la sfida degli ex Lopez e Donadoni

© foto www.imagephotoagency.it

Domenica allo stadio Dall’Ara, Diego Lopez e Roberto Donadoni affronteranno il proprio passato in Bologna-Cagliari. Entrambi i tecnici saranno ex della partita

I destini dei due non si sono mai incrociati ad Asseminello. Quando Diego Lopez ha iniziato ad allenare le giovanili rossoblù, Roberto Donadoni era già stato silurato da Massimo Cellino. Mentre all’epoca di Lopez giocatore, il bergamasco sedeva sulle panchine di Livorno, Italia e Napoli. Due carriere vicine, ma che si sono incrociate una sola volta in un Parma-Cagliari del dicembre 2013. Finì 0-0, in una gara che regalò veramente poche emozioni. Entrambi affronteranno il proprio passato in Bologna-Cagliari, match in programma alle ore 15 di domenica allo stadio Renato Dall’Ara.

DONADONI IN SARDEGNA – Nonostante l’avventura di Roberto Donadoni sulla panchina del Cagliari sia durata meno di una stagione, i tifosi rossoblù ricordano con piacere la sua squadra. Al Sant’Elia si poteva vedere un buon calcio, anche grazie all’eredità lasciata da Allegri. Dopo l’addio all’attuale allenatore della Juventus, Massimo Cellino decise di affidarsi ad un altro ex per la stagione 2010/11. Le cose con Pierpaolo Bisoli però non andarono benissimo e il 15 novembre arrivò Donadoni. Guidò i rossoblù per 26 gare, ottenendo 10 vittorie, 4 pareggi e 12 sconfitte, piazzandosi al 14° posto. Inizialmente Cellino confermò il tecnico per la stagione seguente, ma i problemi tra il presidente e il suo agente (legati soprattutto al ritorno di Suazo), portarono al suo esonero in pieno agosto.

LOPEZ A BOLOGNA – Il periodo di Lopez in Emilia è di simile durata, ma i tifosi bolognesi ricordano con meno piacere il tecnico uruguaiano. La storia si intreccia ancora con il Cagliari. La società felsinea – appena retrocessa in B – decise di affidarsi a Zdenek Zeman per l’immediata risalita. Strappando un accordo all’ultimo, però, Tommaso Giulini riuscì a portare il boemo a Cagliari. Per ripagare al torto fatto, ci fu anche lo scambio tra il difensore greco Marios Oikonomou (oggi in prestito alla Spal) e il promettente Alessandro Capello, attaccante classe 1995, attualmente prestato al Padova. E sempre da Cagliari arriva il nuovo tecnico del Bologna. Diego Lopez, esonerato pochi mesi prima da Cellino, ha il compito di riportare il club in Serie A. Ma il campionato cadetto si rivela complicato e dopo 16 vittorie, 15 pareggi e 8 sconfitte, viene esonerato. Fatale la sconfitta di maggio contro il Frosinone. La squadra ha perso il treno per la promozione diretta. Ci penserà Delio Rossi a riportare il Bologna in A, battendo ai playoff l’Avellino di Rastelli e il Pescara di Melchiorri. La stagione seguente, il Bologna esonera anche Rossi e si affida a Donadoni. Da quell’ottobre del 2015, il tecnico è ancora lì alla guida dei rossoblù.

GLI ALTRI EX – I due allenatori non saranno gli unici ex di Bologna-Cagliari. Contro i rossoblù di Lopez ci saranno anche Lorenzo Crisetig e Godfred Donsah, entrambi in Sardegna nella stagione della retrocessione.

Articolo precedente
Crisetig: «Bologna-Cagliari gara speciale per me»
Prossimo articolo
juventus-cagliariBologna e Cagliari, i precedenti con l’arbitro La Penna