Spal, Antenucci: «Il Cagliari ci ha messo in difficoltà»

© foto www.imagephotoagency.it

L’attaccante della Spal Mirko Antenucci ha parlato al termine di Spal-Cagliari, gara terminata 2-0 per i rossoblù di Rastelli al “Paolo Mazza” di Ferrara

L’allenatore Leonardo Semplici l’ha fatto entrare nella ripresa per provare a pareggiare la partita. Ma per Mirco Antenucci, a parte una rovesciata finita alta, ci sono state poche occasioni. L’attaccante della Spal, eroe della promozione con 18 gol nella passata stagione, ha poi parlato al termine della sconfitta contro il Cagliari per 2-0 subita al “Paolo Mazza” di Ferrara.

LE DICHIARAZIONI – «La delusione di oggi – si legge nelle parole di Antenucci riportate da lospallino.com – va oltre al risultato, perché abbiamo fatto una partita meno brillante rispetto alle altre tre. Il Cagliari ci ha messo in difficoltà nei primi 25 minuti, quando abbiamo lasciato troppo spazio e non siamo stati bravi ad accorciare, poi il secondo gol ci ha tagliato definitivamente le gambe. Non abbiamo sentito particolari pressioni, nonostante la partita poteva essere vista da qualcuno come una prova di maturità. Sappiamo bene che, da neopromossa, il nostro scudetto è arrivare alla salvezza il prima possibile. Queste partite ci servono per capire che in serie A la vita è dura e dobbiamo alzare il livello, non ci sono partite facili. Anche l’anno scorso abbiamo visto partite più bloccate, in serie A è normale concedere meno, e noi dobbiamo essere più bravi a creare occasioni, la strada comunque è quella giusta. Personalmente fa piacere ricevere l’affetto dei tifosi, come l’ovazione quando sono entrato in campo, poi però dispiace alla fine della partita andare a salutarli con un risultato non positivo. Ora avanti con Milan e Napoli, saranno due partite difficili con due squadre che lottano per i vertici del campionato, non so se il mister penserà al turnover, io sto lavorando bene e cerco di farmi trovare sempre pronto».

Articolo precedente
Semplici: «Cagliari più esperto. Ma la Spal ci ha provato»
Prossimo articolo
Gomis: «Cagliari più concreto. Joao Pedro? Ha segnato un gran gol»