Verso Cagliari-Pescara, la situazione degli uomini di Oddo

© foto www.imagephotoagency.it

Domani pomeriggio andrà in scena il big match della 27^ giornata. Una sfida che non vale solo i tre punti in classifica: rappresenta anche la possibilità di rovesciare lo scontro diretto dell’andata e, soprattutto, allungare di altre tre lunghezze sulla terza e dare il via alla fuga. Cagliari-Pescara ha tutto per essere un grande match, dai protagonisti in campo ai due tecnici di spessore in panchina, passando per il pubblico del Sant’Elia, atteso numeroso.

 

Il Pescara arriva al Sant’Elia da terza della classe, lontana 10 punti dalla capolista e padrona di casa. Gli uomini di Oddo vantano il terzo attacco del torneo, con 41 gol segnati (più della metà, 25, messi a segno dalla coppia offensiva Lapadula-Caprari), mentre la difesa è ottava, con le sue 28 reti incassate. La squadra di Oddo è in un ottimo momento psico-fisico, come dimostra la striscia aperta di 9 risultati utili consecutivi, composta da 7 vittorie e 2 pareggi.

 

Salvo colpi di scena, il Pescara si disporrà sul prato del Sant’Elia con l’ormai consueto 4-3-1-2, modulo speculare a quello utilizzato da Rastelli, anche se non è da escludere il 4-2-3-1.

Tante defezioni nella rosa di Oddo, che dovrà inventarsi una linea difensiva inedita. Recuperato Fiorillo dall’attacco influenzale, dovrebbe essere lui a difendere i pali biancazzurri. In difesa tante assenze, spiccano quelle di Fornasier, Crescenzi e Campagnaro, tre possibili titolari da sostituire in vista della gara di Cagliari. Abbondanza, invece, a centrocampo. Il tecnico può contare su uno dei reparti di mezzo con un rapporto età-qualità tra i migliori del torneo: da Verre a Mandragora passando per Memushaj e Benali. Nelle ultime settimane ha ritrovato spazio dall’inizio anche Lucas Torreira, uruguaiano classe ’96 rientrante da un infortunio alla caviglia. In rampa di lancio anche il rumeno classe ’95 Mitrita, utilizzato da trequartista unico o nella linea a tre dietro l’unica punta. In avanti Lapadula e Caprari sono intoccabili: il duo offensivo ha assicurato a Oddo ben 25 gol e 13 assist. Soltanto un ripiego, per ora, l’ex Cagliari Andrea Cocco, capocannoniere dell’ultima Serie B ma bloccato nella stagione in corso, nella quale ha segnato un solo gol, su rigore.

Articolo precedente
Pescara, i convocati per Cagliari: è emergenza in difesa
Prossimo articolo
La conferenza stampa di Rastelli: «Vincere contro il Pescara sarebbe importantissimo»