Verso Bari-Cagliari, il punto sulla squadra di Camplone

© foto www.imagephotoagency.it

 

Domani il Cagliari sfiderà, in un San Nicola che si annuncia gremito e colorato di bianco e rosso, il Bari nell’anticipo della 40a giornata di Serie B (fischio d’inizio alle 20:30). I rossoblù vanno a caccia del punto che gli permetterebbe di strappare, con due giornate d’anticipo, il biglietto per la prossima edizione della Serie A. Il Bari, distante 9 lunghezze dai sardi, deve riprendere a correre dopo due pareggi consecutivi: l’obiettivo è il terzo posto, posizione privilegiata in chiave play-off. Sfida dal sapore di Serie A, per gli obiettivi e le rose delle due compagini ma anche per la storia dei due club, che insieme hanno ben 66 stagioni di Serie A alle spalle (36 per il Cagliari, 30 per il Bari).

 

LA SITUAZIONE – Partita con l’obiettivo di centrare la promozione, la formazione di Davide Nicola ha alternato risultati buoni e deludenti con la costante di un gioco non all’altezza. Dopo un filotto di tre sconfitte, iniziato con il 2-1 dell’andata contro il Cagliari e proseguito con i ko contro Brescia e Trapani, Nicola è stato esonerato e sostituito da Andrea Camplone, tutt’ora al timone dei galletti. Sinora il tecnico abruzzese ha collezionato 18 panchine: alle prime 9 gare caratterizzate da una media punti da salvezza (solo 9 punti raccolti) sono seguite altrettante partite in cui il Bari è apparso in netta ripresa, in cui i galletti hanno guadagnato ben 21 punti (sei vittorie e tre pareggi). La squadra biancorossa, grazie all’ottimo andamento degli ultimi mesi, si è portata nelle posizioni a ridosso della zona promozione diretta. Le ultime due uscite, conclusesi con i pareggi contro Modena e Perugia, hanno portato la squadra di Camplone al quinto posto con 65 punti, ad appena una lunghezza dal Trapani terzo. A tre partite dalla fine della regular season, Camplone ha dichiarato che quella contro la squadra di Rastelli è la prima di tre gare fondamentali per cercare di centrare l’obiettivo (QUI le parole del tecnico biancorosso nella conferenza stampa della vigilia).

 

FORMAZIONE – Camplone dispone in campo i suoi con un 4-3-3 che esalta le caratteristiche di un attacco che, in Serie B, è potenzialmente devastante. 

Dopo una prima parte di stagione nei panni di riserva, Micai ha sfruttato la squalifica dell’allora titolare Guarna alla 26a giornata per mettersi in mostra e convincere Camplone a promuoverlo primo portiere: sarà lui, con tutta probabilità, l’estremo difensore dei galletti nel match contro il Cagliari. Davanti al portiere classe ’93 il blocco a quattro dovrebbe essere formato da Donkor a destra, Tonucci e Di Cesare al centro e Gemiti a sinistra. A centrocampo sicuro del posto l’esperto Valiani, dovrebbe tornare titolare Defendi. A completare il reparto Romizi. In lizza per una maglia dal 1’ anche Dezi, che ha recuperato dopo l’attacco febbrile che lo ha colpito in settimana. In attacco si va verso il tridente Rosina, De Luca, Maniero.

Articolo precedente
Bari-Cagliari, Camplone ne convoca 22: torna De Luca
Prossimo articolo
Verre “tifa” Cagliari: «Speriamo ci dia una mano»